Bregnano (Co), 15 luglio 2017   |  

Bregnano: spaccio di sostanze stupefacenti

A Bregnano, i Carabinieri, sventano gruppi di spacciatroi magrebini

droga spaccio

I Carabinieri di Cermenate, nella serata di venerdì 14 Luglio, hanno arrestato L.G., di anni 37, abitante a Bregnano, in esecuzione di una ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Como per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

L’emissione del provvedimento è conseguente ad un’attività d’indagine svolta dai Carabinieri di Cermenate per contrastare il fenomeno dello spaccio nelle località Boschive. I militari hanno ricostruito con minuziosità decine di episodi di spaccio avvenuti nei boschi di Bregnano e Cadorago, identificando una fitta rete di “clienti”, tutti tossicodipendenti abitanti in provincia, dal mese di ottobre 2016 ad oggi.

“Giacomino”, questo è il soprannome con il quale l’arrestato è conosciuto nell’ambiente, era divenuto persona di fiducia di vari gruppi di spacciatori magrebini, provvedeva personalmente a consegnare le dosi di cocaina, eroina e hashish ai vari acquirenti, divenendo, in breve, per molti tossicodipendenti della zona, un vero e proprio punto di riferimento, sempre in grado di reperire lo stupefacente. Bastava chiamare telefonicamente “Giacomino”, a qualsiasi ora del giorno e della notte, per ricevere la dose richiesta o per essere indirizzati ed accompagnati nelle impervie località di spaccio.

Le indagini, naturalmente, continuano per assicurare alla Giustizia i gruppi di spacciatori magrebini per conto dei quali L.G. svolgeva il suo “lavoro,” anche fornendo loro un vero e proprio supporto logistico (rifornimento di viveri, indumenti, ricarica delle batterie dei cellulari ecc.).

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Luglio 1943 seduta segreta del Gran Consiglio del Fascismo in cui viene discusso l'Ordine del giorno Grandi che porta alle dimissioni di Benito Mussolini

Social

newFB newTwitter