Chiasso, 04 maggio 2019   |  

A Chiasso sbarca il Festival internazionale di letteratura

di cristiano comelli

Organizzato dall’associazione “Chiasso letteraria” è giunto alla quattordicesima edizione

LOGO chiasso letteraria

Giunto alla quattordicesima edizione, non accusa alcun graffio del tempo. Anzi, si rinnova sempre con proposte accattivanti in grado di intercettare il popolo dei lettori e degli appassionati di cultura. E’ decollato, e durerà fino a domenica 15 Maggio a Chiasso il “Festival internazionale di letteratura” organizzato dall’associazione “Chiasso letteraria”, entusiasta promotrice dell’appuntamento nonché di iniziative culturali di ampio respiro da quando si è costituita nel 2005. Il filo conduttore di quest’anno è quanto mai attuale: mondo nuovo.

«Da quali pericoli dobbiamo guardarci – spiegano gli organizzatori dell’evento – quali le innovazioni dei prossimi anni e le loro ricadute antropologiche? Quali anticorpi per contrastare l’ascesa di poteri autoritari e difendere i diritti delle persone, tutelare la vita in ogni sua forma? ».

Insomma, parecchia carne al fuoco che si concretizzerà in diversi momenti di riflessione in programma allo spazio officina di via Dante Alighieri 1 così come allo spazio lampo di via Livio 16.

Sabato 4 Maggio si partirà alle 10 con l’evento “The roedelius cells” di Tim Story, installazione sonora del compositore che è stato nominato nei Grammy Awards e si chiuderà alle 24 alla palestra di via Vela con uno “Sleeping concert”; in mezzo un’ampia gamma di appuntamenti tra cui un’intervista allo scrittore Andrea Bajani degli studenti del liceo 1 di Lugano alle 11, un incontro con il filosofo Franco “Bifo” Berardi e l’economista Christian Marazzi alle 14 e uno spazio sulla giovane letteratura svizzera dalle 15.15 con le scrittrici Aude Seigne e Gianna Molinari allo spazio officina. Tra gli appuntamenti di domenica 5 maggio spiccano invece “Terrorismo, diritti e democrazia”alle 11 con Gabriele Del Grande e Dick Marty, l’incontro tra i poeti Fabio Pusterla e il saggista Enrico Testa alle 14 e quello di chiusura con Monica Kristensen, scrittrice, fisica, meteorologa e glaciologa svedese, alle 18.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Novembre 1869 l'armatore genovese Rubattino, d'accordo con il governo italiano, acquista la baia di Assab nel corno d'Africa. È il primo possedimento coloniale italiano.

Social

newFB newTwitter