Como , 14 febbraio 2020   |  

A Como Fabrizio Turba per parlare di autonomia

Regione Lombardia impegnata per lo sviluppo economico di Como

Turba a Como

«La Regione è impegnata concretamente con bandi e iniziative di vario genere a sviluppare l’economia di Como e della sua provincia. Oggi si contano nell’area oltre 60.775 imprese che spaziano dall’industria all’artigianato, all’accoglienza turistica. Si tratta di realtà capaci di creare un valore aggiunto di oltre 11 miliardi di euro annui. Con l’autonomia saremo in grado di accelerare ulteriormente questa capacità propulsiva per confermare l’area come uno dei motori trainanti della Lombardia e del Paese». 

Lo hanno sottolineato il sottosegretario della Presidenza di Regione Lombardia Fabrizio Turba (delega ai rapporti con il Consiglio) e l’assessore regionale Alessandro Mattinzoli (sviluppo economico) nel corso del Tavolo Territoriale di Como dedicato allo sviluppo economico che si è tenuto oggi presso la sede dell’UTR Insubria della città lariana. Nell’incontro con gli stakeholder locali sono stati affrontati vari temi di attualità, dai rapporti con la Cina a quelli con la Svizzera, dall’attenzione per l’agricoltura alla digitalizzazione.

«È fondamentale tenere presente le peculiarità di questa parte della Lombardia che è territorio di confine”, ha sottolineato nel corso dell’incontro il sottosegretario Turba, individuato dal Governatore Attilio Fontana come responsabile dei Tavoli territoriali comaschi. “Como conta oltre 20.000 frontalieri, lavoratori italiani impiegati in Svizzera, Paese che può garantire tassazione più conveniente e burocrazia meno opprimente rispetto a quelle italiana. Con una maggiore autonomia si potrebbero sviluppare al meglio le enormi potenzialità del territorio e la Regione riuscirebbe a innalzare ulteriormente la qualità dei servizi, portandoli al livello della Svizzera».

«Per lo sviluppo del territorio è fondamentale puntare sul rilancio dei distretti del commercio, sull’e-commerce e sulla tutela delle botteghe storiche, ovvero su tutti i segmenti del settore – ha evidenziato l’assessore Mattinzoli -. Ci accingiamo a riproporre il bando FABER che propone contributi per investimenti finalizzati all’ottimizzazione e all’innovazione dei processi produttivi delle micro e piccole imprese manifatturiere, edili e dell’artigianato. Puntiamo a stimolare il credito da parte del settore bancario. Sfruttare il volano delle Olimpiadi per fare sistema. Il nostro è il Paese più bello del mondo e la Lombardia brilla in Italia: serve un lavoro di squadra che vada oltre il ‘campanile’. Questo è uno degli obiettivi della Regione, impegnata a trovare soluzioni concrete ai problemi. E’ finito il momento delle contrapposizioni ideologiche, serve più collaborazione fra tutti».

Sono stati numerosi i temi toccati dal tavolo odierno. Oltre a quelli citati si è parlato della grande distribuzione, della tutela delle piccole attività, della questione del lago. Quest'ultima, ha anticipato il sottosegretario Turba «troverà a breve una risposta con la legge regionale sull'idroelettrico, materia che rappresenta la prima forma di autonomia che lo Stato ha concesso alle regioni. Ci è stato chiesto anche supporto per aumentare l'attrattiva del territorio comasco e per combattere la criminalità. Altro tema è stato quello di intervenire per agevolare l'accesso al credito di Regione Lombardia. La Giunta è impegnata a dare risposte concrete e veloci».

«Regione Lombardia con questi tavoli - ha puntualizzato Turba - sta mostrando di avere una visione innovativa che punta a fare sistema con il territorio". All’incontro di oggi, il secondo dei tre programmati, hanno partecipato, tra gli altri, i consiglieri regionali Raffaele Erba e Angelo Orsenigo, i sindaci di Erba Veronica Airoldi e quello di Olgiate Comasco Simone Moretti, e diversi rappresentanti delle principali associazioni di categorie. Come stimolato anche dalle richieste degli stakeholder, la “Regione proseguirà il suo impegno per confermare la leadership nazionale nella digitalizzazione – hanno concluso Turba e Mattinzoli - e incentivare lo sviluppo delle aziende con un ventaglio di azioni che spaziano dall’agricoltura, all’industria, al turismo, alle nuove tecnologie»

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

11 Luglio 1895 i fratelli Lumière mostrano un film a degli scienziati

Social

newFB newTwitter