Como, 08 febbraio 2019   |  

A Como fondi per la videosorveglianza

Positivo l’annuncio da parte del Viminale dello stanziamento di 3,7 milioni di euro per la sicurezza dei Comuni lombardi.

videosorveglianza e rifiuti

Positivo l’annuncio da parte del Viminale dello stanziamento di 3,7 milioni di euro per la sicurezza dei Comuni lombardi. Significa che il governo riconosce e apprezza i grandi sforzi che i nostri amministratori compiono quotidianamente con le risorse a disposizione, anche in tema di sicurezza. Confidiamo che uno stanziamento simile possa essere destinato anche per le risorse di parte corrente da utilizzare per dotazioni e manutenzioni, per le utenze e il funzionamento degli apparati”.

Lo ha detto il Presidente di Anci Lombardia e Sindaco di Lecco Virginio Brivio, in merito alla notizia dello stanziamento da parte del Viminale di 3,7 milioni di euro destinati alla videosorveglianza per i Comuni Lombardi.

«Certo – ha specificato Brivio - non partiamo da zero perché molti territori hanno già avviato sperimentazioni in tema di sicurezza, come nel caso di Lecco dove abbiamo posizionato 32 telecamere in ogni varco della città, che rilevano le targhe delle auto. Questo rilevamento, grazie al collegamento diretto alla banca dati del Viminale, ci permette di intercettare mezzi sospetti. Un progetto che abbiamo avviato con successo già dal 2015 e che può essere replicato in altri Comuni».

«Queste risorse che arriveranno dal governo – ha spiegato Brivio – saranno destinate a progetti di videosorveglianza anche nei piccoli Comuni, che in Lombardia sono oltre il 65% dei 1.509 Comuni presenti sul territorio, e andranno ad aggiungersi a quelle già previste dal protocollo per la sicurezza che coinvolge i Comuni lombardi, il Viminale e Regione. Un protocollo, che attraverso l’attuazione di patti territoriali, ci permetterà di condividere tecnologie, potenziare la presenza della polizia locale e soprattutto ci permetterà di dedicare ulteriori risorse alla formazione».

Le risorse sono così ripartite: 183.499,08 euro nella provincia di Bergamo, 327.777,25 euro in quella di Brescia, 372.300,33 euro in quella di Como, 40.000 euro in quella di Lecco, 70.095,10 euro in quella di Lodi, 107.400 euro in quella di Mantova, 1.983.718,13 euro in quella di Milano, 23.250 euro in quella di Monza Brianza, 422.531,47 euro in quella di Pavia, 92.650 euro in quella di Sondrio e 119.997,12 euro in quella di Varese.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Agosto 1862 la Lira Italiana diventa la moneta unica del Regno d'Italia

Social

newFB newTwitter