Cantù , 16 maggio 2018   |  

A Desio per tentare il tutto per tutto

Dopo due sconfitte consecutive in trasferta, la Red October Cantù di coach Marco Sodini lascia il Mediolanum Forum sotto 2 a 0 nella serie playoff contro l’EA7 Emporio Armani Milano per affrontare Gara 3 dei quarti di finale scudetto in casa propria, al “PalaBacoDesio”.

Charles Thomas foto Pall.Cantu Gorini

Dopo due sconfitte consecutive in trasferta, la Red October Cantù di coach Marco Sodini lascia il Mediolanum Forum sotto 2 a 0 nella serie playoff contro l’EA7 Emporio Armani Milano per affrontare Gara 3 dei quarti di finale scudetto in casa propria, al “PalaBacoDesio”. Domani sera, palla a due alle ore 20:30, ad attendere capitan Jeremy Chappell e compagni dovrebbero esserci circa 5000 spettatori, probabilmente anche molti di più ma tutto dipenderà da quanti biglietti verranno venduti il giorno della partita (le casse apriranno due ore prima dall’inizio del match, vendita online invece aperta fino alle 20:30).

A tutti i tifosi canturini la società chiede di indossare una t-shirt bianca, così da creare uno splendido colpo d’occhio proprio come accaduto nel match di regular season dello scorso 15 aprile, sempre a Desio e sempre nel derby contro Milano. 

L’obiettivo della Red October in vista di Gara 3 è indubbiamente quello di provare ad allungare la serie, puntando tutto sul calore del proprio pubblico per andare a Gara 4 e sognare una rimonta che, in questo momento, è comunque abbastanza difficile da intravedere ma non impossibile. Come dichiarato da coach Sodini in conferenza stampa, nel post partita di Gara 2, «l’obiettivo grande è tornare a Milano». Per farlo, però, Cantù dovrà vincere due partite consecutive, solo a quel punto sarebbe previsto un ritorno al Forum, eventualmente in programma lunedì 21 Maggio alle ore 20:30.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Luglio 1927  ad Adenau (Germania) Alfredo Binda vince il 1º Campionato del mondo professionisti di ciclismo. I primi posti sono tutti italiani: seguono Binda Costante Girardengo, Domenico Piemontesi e Gaetano Belloni

Social

newFB newTwitter