Lissone, 12 giugno 2018   |  

A Lissone laboratori artistici

Sabato 16 Giugno, inaugurazione della mostra delle scuole materne

QUADRI

Sabato 16 Giugno apertura ore 16, quando sarà inaugurata la rassegna espositiva relativa al “Progetto Laboratorio artistico: collezione Premio Lissone”, promossa dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con la Famiglia artistica lissonese (FAL). La mostra si terrà presso gli spazi dell’ex Osservatorio Colore, di fronte al Museo di Arte Contemporanea (MAC). 

Il percorso, rivolto ai bambini di 5 anni delle scuole materne di Lissone, ha visto coinvolti in totale 430 bambini, suddivisi in 22 gruppi. La libera Accademia, fondata dal maestro Gino Meloni, ha aderito anche nell’annualità 2017/2018 al progetto di attività didattiche “Crescere con l’arte” con un laboratorio che ha posto l’accento sulla collezione storica del Premio. 

In particolare, sono state prese in esame due opere già vincitrici dello storico riconoscimento: “Immagine 1951” di Morlotti e “Camel” di Adami. Il laboratorio ha quindi preso in esame due opere esposte e vincitrici del Premio: ai bambini è stata evidenziata la libertà espressiva e la scoperta poetica dentro le opere d’arte con due incontri per classe, uno presso la Scuola Materna e uno ospitato negli spazi del Museo di Lissone. Con “Camel” è stato affrontato un viaggio vorticoso all’interno dell’arte pop, per poi passare alla creazione di una immagine ispirata all’opera del 1967. 

Con “Immagine” è invece stata presentata ai bambini la collezione storica del Museo, la storia del Premio Lissone per poi lasciar spazio alla loro creatività con la possibilità di ricomporre il proprio viso come un’immagine cubista adoperando carte decorate con svariate fantasie e completando l’immagine contornandola di nero. Da qui il claim dell’invito: “Mamma e papà, venite a cercarmi nel quadro al Museo”, per un simpatico gioco che sfiderà i genitori a riconoscere l’autoritratto del proprio figlio.



Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newFB newTwitter