Varese, 03 dicembre 2019   |  

Accordo tra Insubria e la giapponese Daiichi University

Un ponte scientifico tra Italia e Giappone grazie all’Università dell’Insubria, che ha sottoscritto un accordo di collaborazione con la Daiichi University di Fukuoka in campo farmacoterapeutico.

Zamperetti Sakurada

Promosso dal dipartimento di Medicina e chirurgia, il documento è stato firmato oggi, martedì 3 dicembre, nella sede del rettorato a Varese e prevede scambi di professori e ricercatori per seminari, cicli di lezioni e attività di ricerca, ma anche mobilità di studenti per attività didattiche e formative.

Il delegato all’internazionalizzazione Giorgio Zamperetti e Marco Cosentino, direttore del Centro di ricerche in Farmacologia medica dell’Insubria, hanno accolto gli ospiti giapponesi: Tsukasa Sakurada, vicepresidente della Daiichi University, Kazunori Anzai, dean della Nihon Pharmaceutical University, e Tatsuo Shinozuka, dean della Yokohama University of Pharmacy.

Commenta Marco Cosentino: «La collaborazione con la Daiichi University consolida la rete che comprende l’Università della Calabria e realtà industriali come Emmac Life Sciences Limited, con sede a Londra e in Svizzera. Una rete che ha portato negli anni alla realizzazione di due importanti volumi sulle piante medicinali e sull’aromaterapia, oltre a numerose pubblicazioni scientifiche internazionali».

A suggellare l’accordo, nel pomeriggio nell’aula magna Granero-Porati la conferenza internazionale «Herbal medicine. Opportunità per l’innovazione farmacoterapeutica nell’era moderna».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

12 Luglio 1980 si conclude il primo viaggio apostolico di papa Giovanni Paolo II in America Latina

Social

newFB newTwitter