Como, 07 agosto 2019   |  

Acque Seveso la regione Lombardia stanzia 2 milioni di euro

Interventi coerenti con gli obiettivi del Contratto di Fiume e condivisi nei tavoli di confronto del Progetto strategico di Sottobacino del Torrente Seveso

Fiume Seveso 4

Ammonta a 2 milioni di euro il finanziamento per il miglioramento della qualità delle acque del torrente Seveso stanziato da Regione Lombardia con delibera XI / 2076 Seduta del 31/07/2019 con cui si stabilisce - preso atto che il Progetto Strategico di Sottobacino del Torrente Seveso individua, tra le principali criticità del territorio, la ridotta capacità di drenaggio delle acque meteoriche, per gli effetti della copertura dei suoli dovuta ai fenomeni urbanizzativi - la convenzione tra Regione Lombardia e gli enti attuatori degli interventi di seguito elencati: 

Intervento di conservazione e valorizzazione ecologica della Roggia Borromeo in comune di Carugo
comune di Carugo - 151.000 euro;

 Intervento disconnessione dalla rete fognaria delle acque meteoriche parcheggio via Europa in comune di Varedo
comune di Varedo - 120.000 euro;

Intervento disconnessione dalla rete fognaria delle acque meteoriche parcheggio cimitero in comune di Lentate sul Seveso
Ufficio d’Ambito territoriale ottimale di Monza e Brianza - 1.679.000 euro; 

Progettazione intervento di fitodepurazione acque di sfioro in comune di Villaguardia
Ufficio d’Ambito territoriale ottimale di Como - 50.000 euro.

Nella delibera di Giunta si legge che il Progetto Strategico di Sottobacino del Torrente Seveso individua, tra le principali criticità del territorio, la ridotta capacità di drenaggio delle acque meteoriche, per gli effetti della copertura dei suoli dovuta ai fenomeni urbanizzativi e prevede, tra le misure finalizzate al miglioramento della qualità dei corsi d’acqua e la riduzione del rischio idraulico, le seguenti attività: realizzazione di interventi locali diffusi di laminazione/volanizzazione delle acque meteoriche, finalizzati ad aumentare i tempi di corrivazione, e di 3 fitodepurazione delle acque di drenaggio urbano; Realizzazione nel sottobacino, in via prioritaria, di interventi in grado di integrare la mitigazione del rischio idrogeologico, il miglioramento della qualità dei corpi idrici e la tutela e riqualificazione degli ecosistemi e della biodiversità (integrazione dir. Acque, Alluvioni, Habitat, Uccelli, ecc.); realizzazione degli interventi previsti nel progetto "Acque di pioggia / acque di falda", per distogliere dalla fognatura comunale le acque di origine meteoriche in comune di Varedo; realizzazione di lavori di regimazione idraulica, miglioramento della qualità delle acque, realizzazione di sistemi naturali di depurazione delle acque di sfioro e valorizzazione ecologica della Roggia Borromeo in comune di Carugo; realizzazione degli interventi relativi al progetto - "Alto Seveso naturale e urbano oltre il 2015" tra i quali è prevista la realizzazione di un impianto di fitodepurazione e trattamento delle acque in uscita da uno sfioratore della rete fognaria afferente al torrente Lusert in Comune di Villa Guardia.

Considerato che gli Uffici d’Ambito delle province di Como e di Monza Brianza, ed i comuni di Varedo e Carugo hanno partecipato attivamente al percorso di costruzione del Programma d’Azione del Contratto di fiume Seveso e del quadro delle misure del Progetto strategico di Sottobacino del Torrente Seveso e che hanno inserito nei rispettivi piani degli investimenti diversi interventi coerenti con gli obiettivi del contratto di fiume e condivisi nei tavoli di confronto tra i sottoscrittori e, a seguito di tale percorso, sono pervenute alla Struttura Risorse Idriche della Direzione Generale Territorio e Protezione Civile le seguenti richieste di finanziamento, che gli interventi e le progettualità per i quali sono state formulate le suddette istanze di finanziamento concorrono al raggiungimento degli obiettivi di qualità del Torrente Seveso e dei suoi affluenti, in quanto consentono di abbattere il carico inquinante delle acque di dilavamento di superfici urbanizzate che, una volta finite in fognatura, sfiorano nei corsi d’acqua determinando su di essi un notevole impatto qualitativo e quantitativo; pertanto che tali interventi concorrono al raggiungimento degli obiettivi previsti dal programma di tutela ed Uso delle Acque, dal contratto di fiume Seveso ed all’attuazione delle citate misure del Progetto strategico di Sottobacino.

Era il 2004 quando, su stimolo della Direzione Generale Ambiente di Regione Lombardia, è stato sottoscritto il primo Contratto di Fiume (CdF) italiano, il Contratto di Fiume Olona-Bozzente-Lura: “strumento volontario di programmazione strategica e negoziata che persegue la tutela, la corretta gestione delle risorse idriche e la valorizzazione dei territori fluviali unitamente alla salvaguardia dal rischio idraulico, contribuendo allo sviluppo locale”, ovvero un’iniziativa importante che nasce dal basso coinvolgendo, oltre alle istituzioni, i cittadini e le associazioni. Oggi i Contratti di Fiume lombardi promossi dalla Regione sono tre (Olona-Bozzente-Lur-Lambro Meridionale 2004, Seveso 2006, Lambro2012), a cui si aggiunge il Contratto interregionale del Mincio promosso dal Parco del Mincio. Sono attualmente in fieri i Contratti di Fiume Adda, Bardello, Toscolano, Mella e Media Valle del Po.

I Contratti di Fiume e i relativi programmi d’azione sono inoltre accompagnati in Lombardia dal Progetto strategico di Sottobacino, strumento operativo di co-progettazione con il territorio, fondamentale per rafforzare e rendere efficaci le azioni dei Contratti attraverso l’integrazione degli aspetti di prevenzione del rischio idraulico, del miglioramento della qualità delle acque e della funzionalità ecologico ambientale dei bacini fluviali. Ad oggi sono stati approvati il Progetto strategico di sottobacino del Torrente Lura (2015) e il Progetto strategico di sottobacino del Torrente Seveso (2017) ed è avviato, con gli attori locali, il Progetto strategico di sottobacino del Lambro Settentrionale.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Agosto 1419 posa della prima pietra dello Spedale degli Innocenti a Firenze, ritenuto il primo edificio rinascimentale mai costruito

Social

newFB newTwitter