Introbio, 23 luglio 2018   |  

Alla cascata della Troggia la soprano Hiroko Morita

Si esibirà insieme all’Ensemble Sinfolario, con il maestro Roberto Gianola a dirigere.

80653bbaf07b103346d0dc604d9eff04.wix mp 512

Nell’anno in cui si ricorda il cinquecentesimo della scomparsa di Leonardo sono molte le località che stanno organizzando eventi per ricordare il passaggio del genio di Vinci sul loro territorio. Anche in Valsassina non mancano i luoghi descritti o, addirittura, sembra progettati dall’ingegnere, pittore e scienziato considerato uno dei più grandi geni dell’umanità .

La Grigna è un esempio, ma anche la Valle dei Mulini a Cortenova, oppure la Rocca di Baiedo. E poi ci sono le acque che scendono a strapiombo dalla cascata della Troggia, anch’esse notate dal Maestro e riportate tra le memorie del suo Codice Atlantico.

Ed è proprio sotto quelle acque che precipitano dalla selvaggia Val Biandino che il prossimo 3 agosto accadrà un evento straordinario capace di abbinare al suono dell’acqua quello di voce e strumenti, insomma un concerto che certamente ha tutti i presupposti per restare nella storia della Valle.

Organizzato dal Comune di Introbio (e supportato da alcuni lungimiranti sponsor), sotto la spettacolare cascata si esibiranno l’Ensemble Sinfolario e la soprano giapponese Hiroko Morita, diretti da Roberto Gianola, figlio del nostro Lago, considerato tra i più promettenti direttori della nuova generazione, attualmente Direttore Musicale del teatro di Istanbul e titolare di una invidiabile serie di esperienze di successo in Italia e nel mondo.

Il ricavato del concerto verrà devoluto al Comitato Maria Letizia Verga, da anni impegnato nello studio e la cura delle leucemie dei bambini.

In caso di maltempo l’evento rispetterà il medesimo programma presso, l’oratorio San Giovanni Bosco e successivamente nella Parrocchiale di Sant’Antonio Abate.

I biglietti sono già in vendita a 20 euro in alcuni esercizi di Introbio. Per info: telefonare al comune di Introbio allo 0341 980219.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Novembre 1869 l'armatore genovese Rubattino, d'accordo con il governo italiano, acquista la baia di Assab nel corno d'Africa. È il primo possedimento coloniale italiano.

Social

newFB newTwitter