23 agosto 2016   |  

Arrestati tre sospetti rapinatori di Cantù e Como

I tre sono ritenuti responsabili della rapina a una 54enne canturina e di quella al distributore "ENI" di Como.

carabinieri_arresto.jpg

Al seguito di una complessa operazione iniziata lo scorso 18 ottobre e condotta in collaborazione con il gruppo di Monza, i Carabinieri di Cantù hanno portato a termine l'arresto di tre persone per una serie di reati commessi nel comasco. Si tratta di P. C.D., nato (1991) e residente a Monza, celibe, disoccupato, tossicodipendente e pluripregiudicato; N.L., nato a Como nel 1994 e residente a Senna Comasco, celibe, tossicodipendente e incensurato; I.V., nato (1990) e residente a Monza nel 1990, celibe, operaio e pregiudicato. Ai tre vengono imputati -con responsabilità suddivise- la rapina di 265 euro ai danni di una 54enne canturina (18 ottobre 2015), il furto di una Fiat Panda a Senna Comasco (21 aprile 2016) con infrazione di un garage, la tentata rapina ai danni del distributore "ENI" di via Niguarda a Como (21 aprile 2016), eseguita ma non portata a termine anche con minacce e pistola. Infine, N.L. è accusato di porto abusivo di oggetti atti a offesa, cioè il coltello utilizzato per la rapina ai danni della donna canturina.


Al momento dell'arresto, P.C.D. è stato trasportato alla casa circondariale di Monza ma, nel corso della perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di 10 grammi di Marijuana, 2 bilancini di precisione e materiale idoneo al confezionamento di dosi di sostanza stupefacente. N.L. è stato arrestato sul posto di lavoro a Legnano ed è stato trasportato presso la casa circondariale di Busto Arsizio. I.V., dopo essere stato trovato in possesso nel suo domicilio di una pistola scacciacani priva di tappo rosso, simile all'arma utilizzata per la rapina al distributore "ENI", è stato trasportato presso la casa circondariale di Monza.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newFB newTwitter