Lugano, 21 dicembre 2019   |  

Calcio svizzero delude il Lugano

Dopo un avvio horror, adesso sembra tornato un po' di sereno. Il Lugano della sfera di cuoio archivia il girone d'andata con un bilancio al di sotto delle attese rispetto a quanto si era visto lo scorso campionato ma con il barometro al bello stabile.

audience 1866738 640

I sottocenerini la cui conduzione tecnica è passata nel corso del girone d'andata dalle mani di Fabio Celestini, che l'aveva condotta al terzo posto la scorsa stagione, a quelle di Maurizio Jacobacci chiamato per raddrizzare una situazione divenuta problematica in corso d'opera, hanno chiuso le prime diciotto partite al sesto posto a pari merito con il Sion ovvero con ventuno punti. Il bilancio è di cinque vittorie, ben quattro delle quali sono state ottenute lontano dal "Cornaredo" (Zurigo, Sion, Lucerna e Thun) e una sul campo amico (Servette), sei pareggi e sette sconfitte.

Le reti segnate sono state diciotto, quelle raccolte in fondo alla propria porta diciannove. Un Lugano che guarda quindi alla ripresa del campionato del 26 gennaio prossimo con rinnovata fiducia lasciandosi alle spalle le delusioni iniziali del campionato e quella dell'estromissione da quell'"Europa League" che si era ampiamente meritato lo scorso anno classificandosi terzo alle spalle delle senatrici Young Boys e Basilea. Vi è peraltro in ballo, in casa bianconera, un possibile avvicendamento societario con il presidente Angelo Renzetti che sarebbe propenso a cedere le sue quote. Ma su questo ancora non vi è certezza. (Cri. Com)

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

31 Maggio 1972 a Peteano (Gorizia) una pattuglia di carabinieri, accorsa in seguito ad una telefonata, incappa in una bomba: tre le vittime. Il fatto sarà ricordato come strage di Peteano

Social

newFB newTwitter