Cantù , 02 ottobre 2017   |  

Cantù cede il passo alla Dinamo

Debutto in campionato amaro per la Pallacanestro canturina, sconfitta dalla Dinamo Sassari nonostante un ottimo primo tempo.

logo canturino

La formazione di coach Kirill Bolshakov chiude avanti 22 a 21 nella prima frazione, salvo poi subire un contraccolpo psicologico a cavallo tra il secondo ed il terzo periodo. Dopo l’intervallo  Sassari incalza staccando la Red October di quattordici lunghezze con un parziale di 28 a 16 decisivo.

Di seguito la cronaca del match, terminato 94 a 80 per il Banco di Sardegna:  segnare i primi punti del campionato della Pallacanestro Cantù ci pensa Jaime
Smith, canestro da due con fallo e libero aggiuntivo a bersaglio, un gioco da tre punti che si ripete anche pochi secondi dopo. In avvio il playmaker nativo dell’Alabama griffa il tabellino con sei punti consecutivi, portando avanti Cantù nelle prime battute di gioco. Biancoblù solidi sia in attacco che in difesa: Randy
Culpepper da tre, e Andrea Crosariol con una stoppata, permettono alla formazione di coach Kirill Bolshakov di allungare (6-9). Tuttavia, al 6’ sono i sardi a mettere la testa avanti, sfruttando l’imprecisione di Cantù dall’arco (1/5 da tre). Sprint dei padroni di casa e +5 Dinamo, che a 3’ dalla fine del primo quarto si porta sul 16 a 11. Nel finale reazione canturina, al 10’ il parziale premia la Red October avanti 22 a 21 con 9 punti di Smith.

Dopo due minuti e mezzo di secondo quarto, è nuovamente allungo Dinamo (28- 22). A caricarsi sulle spalle l’attacco brianzolo è David Cournooh, con due giocate consecutive degne di nota. L’esterno di origini africane piazza una “bomba” prima e un assist al bacio poi, per Crosariol, che schiaccia al ferro il -1 (28-27). Al 15’ locali ancora avanti 35 a 30, ci pensa dunque Smith – con una tripla - ad accorciare ulteriormente le distanze per Cantù. La Red October colpisce ancora da tre, Culpepper particolarmente ispirato con triple e assist. Ad un minuto dall’intervallo lo scarto tra le due squadre è di un solo possesso, biancoblù sotto 45 a 42.

Nei secondi finali di primo tempo acuto di capitan Jeremy Chappell, suo il canestro del 45 pari dopo aver completato un gioco da tre punti dalla lunetta. Cantù ha tra le mani anche la palla del potenziale sorpasso ma Culpepper spreca tutto, fallo di sfondamento fischiato al giocatore classe ’89 e nona palla persa per i canturini, contro le sette dei padroni di casa. Al 20’ la Dinamo rientra negli spogliatoi avanti 47 a 45, nonostante delle brutte percentuali da tre: 2/9 dei sardi contro il 6/13 di Cantù.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

13 Dicembre 1294 papa Celestino V abdica, compiendo il dantesco Gran Rifiuto

Social

newFB newTwitter