Cantù , 27 novembre 2017   |  

Cantù, che gioia in Puglia

La squadra canturina vince 3-1 e convince

gioiaCantu 1 3

La squadra di coach Luciano Cominetti ribalta il risultato dell’andata al PalaCapurso di Gioia del COlle, alla fine è 1-3 dopo una bella sfida contro i pugliesi di capitan Leano Cetrullo, l’ultimo a issare bandiera bianca (sarà il top scorer con 28 punti). 

Eppure le cose non si erano messe affatto bene per brianzoli che nel primo set pagano la grande vena al servizio della Gioiella e sono sempre sotto con distacchi preoccupanti. Dentro anche Olivati e Piazza per Caio e Ricardo, ma si va al 23-12 e un colpo di Grassano castiga il Poll Libertas fino al 25-14. Quella che rientra in campo nel secondo set è però una squadra diversa. Il libero Butti sale in cattedra in difesa e in ricezione. Cantù continua a forzare dai nove metri e sbagliare alcuni servizi, ma si gioca punto a punto. Anche perché la Gioiella non ha più da questo fondamentale la pressione del primo set.

Cetrullo fa i suoi 200 punti in campionato, ma Caio c’è. Uno scambio lunghissimo chiuso da Cominetti dopo tre difese fa capire a quale battaglia ci si deve preparare. Caio fa il 14-15, Mastrangelo chiama time-out. La coppia brasiliana del Pool Libertas è però ispirata e il coach di Gioia prova a fermare il set con i videocheck. E’ ancora Ricardo a chiudere però il 20-22. Entra Link su Del Vecchio, ma è il solito Cetrullo a chiudere il 21-23 dentro il muro. Due errori al servizio per il Pool Libertas, entra anche Joventino su Grassano, Cominetti risponde con il doppio cambio Piazza-Suraci (impiegato come “posto due” anche nel terzo e quarto parziale).

Sul secondo setball per Cantù rientra la diagonale titolare, ma Erati mura Cominetti e si va ai vantaggi. Il parziale non sembra finire mai. Poi sulla battuta di Cominetti, Caio vola alto a muro su Del Vecchio per il 27-29. I padroni di casa accusano il colpo e nel terzo set Cantù va in carrozza. Caio fa il 4-8, poi ace di Cominetti e di Caio fino al 6-12. La ricezione di Gioia salta anche sul servizio flot di Robbiati 8-15. Cetrullo prova a rispondere colpo su colpo fino al 15-20, poi 16-20 con Del Vecchio. Coach Cominetti fa entrare il doppio cambio con Suraci e Piazza 18-22, poi Ricardo in pipe, ace di Cominetti. Sarà Cetrullo a mandare out l’attacco del 20-25 finale.

Nel quarto set Mastrangelo mantiene in campo il brasiliano Joventino. E’ di Gioia il primo breack 6-4. Cetrullo serve il 9-7, ma Caio risponde 9-8, ancora Caio per il suo 20° punto personale. Si impatta sull’11-11 e SuperCaio mura pure l’altro brasiliano Joventino per il primo vantaggio di Cantù 11-12. Mastrangelo mischia ancora le carte dentro Bernardi su Marchiani in regia ed è 13-13. Ci si prepara a una sfida punto su punto come nel secondo set. Un ace di Cetrullo regala il 18-16 e sempre Gioia chiude a suo favore uno scambio lunghissimo per il 19-16 e il 20-16 del solito capitano Cetrullo.

Ma la squadra di coach Cominetti sa anche soffrire e recuperare. Grassano manda out, Caio attacca per il 21-19, ace di Cominetti 21-20. Joventino risponde 22-20, ma Ricardo chiude uno scambio bellissimo su alzata di Monguzzi. Il capitano di mille battaglie va in battuta e fa pure lui un ace. Il Pool Libertas torna davanti 22-23 e non vuole lasciare la vetta. Cetrullo impatta 23-23 un altro scambio lunghissimo tra difese pazzesche. L’attacco successivo di Caio in diagonale vale il 23-24, primo matchpoint e doppio cambio con dentro Suraci e Piazza. Gioia ha sempre Cetrullo e un suo attacco vale il 24-24. Quando Suraci lo ferma però a muro si capisce che per Cantù è una grande giornata. Si va ancora avanti, fino a quando Cominetti con due punti consecutivi da grande giocatore chiude con un attacco da posto due e il Pool Libertas festeggia il 25-27 e la vittoria 1-3.

Queste le parole di coach Luciano Cominetti al termine del match: «Nel primo set Gioia del Colle ci ha messo in grave difficoltà con il servizio, ottenendo però oggettivamente qualcosa di più rispetto agli standard. Non ci siamo abbattuti e quando dal secondo parziale abbiamo spinto anche noi di più ci siamo dimostrati una squadra più ordinata nelle situazioni decisive e abbiamo portato a casa l’intera posta in gioco».

«Non siamo abituati a soffrire in difesa e in ricezione, così quando le cose si sono messe sui giusti binari abbiamo fatto il nostro gioco. Abbiamo iniziato a battere bene anche noi con Caio e Roberto, a dare fastidio anche sul servizio flot, in particolare con Monguzzi. La chiave del successo? I fondamentali che si vedono meno, la correlazione muro-difesa. Non siamo una squadra schiacciasassi, ma quando la macchina è carica e difendiamo con qualità possiamo battere tutti, lo abbiamo dimostrato. Gioia ha provato a cambiare anche il palleggiatore, ma noi eravamo molto bravi a leggere oggi. Abbiamo avuto tanti punti da Caio, come sempre, ma devo davvero elogiare tutta la squadra questa sera».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newFB newTwitter