05 settembre 2016   |  

Challenger di Como: vince De Schepper

Battuto in finale il siciliano Marco Cecchinato

De-Schepper.jpg

Kenny De Schepper, francese di Bordeaux, 29 anni, è il successore di Andrey Kuznetsov nell'albo d'oro del Challenger Atp "Città di Como". Il giocatore, che non era compreso tra le teste di serie, ha concluso con il sorriso una settimana incredibile in cui ad ogni turno - tranne l'esordio semplice con l'indiano Ramanathan - ha dovuto battagliare duramente. Con il giovane russo Rublev (7-6 al terzo), con l'argentino ex 21 al mondo Mayer (4-6, 7-5 6-4), con il rumeno Ungur (6-4 7-5) e ieri con Marco Cecchinato (2-6 7-6 7-5). Una partita strana, la finale. Perché il match fino a metà del secondo set sembrava facilmente nelle mani dell'italiano, che aveva riportato la bandiera tricolore in finale dopo 10 anni.

Il siciliano, dopo aver vinto il primo parziale 6-2, è sembrato più volte sul punto di spiccare il salto verso la vittoria. Ma De Schepper, nonostante un servizio non incisivo come in altre occasioni (e spesso sotto i 200 chilometri orari, inusuale per lui) ha avuto il merito di rimanere in partita con i denti, mettendo a posto piano piano il suo gioco. Così alla fine a fare crac è stato Cecchinato, in un tie break perso 7-0.

Terzo set giocato punto a punto, in cui Cecchinato è stato molto vicino a vincere (4-2, poi 40-40 sul 5-5 con De Schepper al servizio) ma anche a perdere, salvando un match point già sul 5-4 per il francese. Alla fine il passaggio a vuoto è arrivato sul 6-5 con l'azzurro al servizio: rovescio comodo in rete, doppio fallo, discesa a rete con poche pretese e 0-40 da difendere. Kenny De Schepper, al secondo match point, non si è lasciato sfuggire la ghiotta occasione aggiudicandosi (con merito) il torneo.

"All'inizio mi sentivo stanco e Marco giocava molto bene - ha detto il vincitore al termine - Poi le cose sono via via migliorate. Il mio obiettivo? Rientrare nei primi 100 giocatori al mondo". "Complimenti a Kenny - ha invece commentato Cecchinato - In questa settimana ha battuto giocatori veramente forti. Peccato per aver perso. Grazie al pubblico che mi è stato vicino fin dal primo giorno, e grazie al mio angolo. Mi spiace per avervi deluso ma spero la prossima volta di avere più coraggio".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Dicembre 1842, a Fraciscio di Campodolcino (Como),  nasce don Luigi Guanella (morirà a Como il  24 ottobre 1915), riconosciuto santo dalla Chiesa cattolica.  A lui si deve la fondazione delle congregazioni cattoliche dei Servi della Carità e delle Figlie di Santa Maria della Divina Provvidenza.

Social

newFB newTwitter