Como , 01 novembre 2017   |  

Como e Santiago uniti nel cammino

Il lago più bello del mondo e il cammino più importante del mondo uniscono le forze per promuovere insieme il turismo e la cultura nei rispettivi territori.

Santiago

Attraverso le Passeggiate creative realizzate da Pietro Berra con l'associazione Sentiero dei sogni (35 nuovi percorsi di turismo culturale creati in un anno e mezzo e seguiti finora da 6.000 persone), Como si sta identificando anche come luogo di cammino. Sulla scorta di questa esperienza e di un progetto europeo "Erasmus" che ha già coinvolto l'Istituto delle Orsoline San Carlo di Como e gli istituti della Galizia, è nata l'idea di creare un gemellaggio culturale fondato sul racconto e sulla promozione dei rispettivi territori a partire da cammini su cui si innestano musica, teatro, poesia.

Lunedì 30 Ottobre,  l'assessore al Turismo e Marketing del Comune di Como Simona Rossotti, con Maria Bianchi Fontana a rappresentare l'associazione Sentiero dei Sogni ed Olga Bini del Teatro Gruppo Popolare, hanno incontrato a Palazzo Cernezzi il delegato gallego Manuel Portas, già assessore alla Cultura del Comune di Santiago de Compostela, che ha avuto un mandato formale del sindaco di Santiago Martiño Noriega Sánchez e del segretario del dipartimento di Politiche linguistiche e culturali della Giunta di Galizia Valentín García Gómez, per verificare la disponibilità del Comune di Como a partecipare al progetto.

L'idea di fondo è di gemellare circa 60 km di percorsi pedonali sul territorio lariano e altrettanti sul cammino di Santiago, sviluppando e valorizzando il turismo green sui tracciati che collegano la nostra città a diverse località del lago con la mobilità dolce.

«Insieme al sindaco Mario Landriscina che detiene anche la delega alla Cultura - afferma l'assessore Simona Rossotti - crediamo che questa collaborazione sia un importante punto di partenza per unire le forze nel settore turistico-culturale. Abbiamo dato la nostra adesione con la disponibilità e il desiderio di coinvolgere nell'esperienza altre realtà del nostro territorio. Consideriamo questo progetto una valida occasione per creare nuovi scambi di conoscenza tra i giovani e interagire in un contesto multiculturale, valorizzando la diversità e il patrimonio delle rispettive culture».

Il progetto prevede tra l'altro uno scambio generazionale e di tradizioni che coinvolge le scuole, pertanto sarà parte attiva dell'iniziativa anche l'assessore alle Politiche educative del Comune di Como Amelia Locatelli.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Novembre 1889 il primo Juke box entra in funzione nel Palais Royale Saloon di San Francisco

Social

newFB newTwitter