05 aprile 2021   |  

Como rimane in testa alla classifica

di cristiano comelli

Missione compiuta. Il Como esce dal "dei Marmi" di Carrara con la posta piena grazie a un acuto di Ferrari

carrara match

Missione compiuta. Il Como esce dal "dei Marmi" di Carrara con la posta piena grazie a un acuto di Ferrari, condanna la Carrarese alla terza sconfitta di fila e, soprattutto, mantiene le redini del campionato conservando la testa della classifica con 65 punti. L'Alessandria, secondo a quota 62 dopo la sua quarta vittoria di fila, continua però a mordere il freno, i lariani dovranno quindi tenere ben dritta la barra dell'attenzione per gli impegni a venire. La vittoria della compagine di Giacomo Gattuso contro gli apuani, che hanno chiuso la gara in nove uomini, si può definire meritata per la grande prova di personalità da loro evidenziata nell'affrontare una squadra affamata di punti e riscossa e per questo certamente in grado di far male.

PRIMO TEMPO - Il Como apre le danze già al 2' con un diagonale dell'ex Ascoli Rosseti fuori misura di un soffio. Al 3' arriva la rete di Daniels ma l'arbitro non convalida per fuorigioco. E' sempre il naturalizzato olandese a provarci al 13' su punizione ma il tiro è centrale e non impensierisce Mazzini. Tre minuti dopo la Carrarese conclude con Giudici ma Iovine è sulla traiettoria e sventa l'insidia. Lo stesso Giudici va a bersaglio ma anche in questo caso la rete non è convalidata per un offside del suo autore. Al 23' il Como riprende a macinare gioco e lo fa con il solito Daniels che impegna Mazzini in una respinta su un tirocross Tre minuti dopo la Carrarese prova a pungere vanamente con Luci. La Carrarese risponde al 36' con Murolo ma Facchin è attento. Il primo tempo si conclude così senza vincitori nè vinti ma con il Como che si fa preferire per occasioni create.

SECONDO TEMPO - Al 4' gli apuani si complicano la vita perdendo dal mosaico la tessera di Pasciuti espulso per doppia ammonizione. Due minuti dopo il Como prova ad approfittarne ma la punizione dell'ex Robur Siena Arrigoni termina di poco fuori misura. All'8' la Carrarese aggrava la sua situazione perdendo anche Luci che, dopo essere stato ammonito, protesta troppo vivacemente ed è mandato anzitempo negli spogliatoi. Al 14' il Como dà l'avvisaglia di voler colpire con un palo di testa di Crescenzi. E' l'antipasto della rete del vantaggio che giunge al minuto 23 per merito di Ferrari, bravo a concludere di testa alle spalle di Mazzini un cross preciso di Iovine. Non accade praticamente più nulla, la Carrarese ha gli artigli spuntati, i lariani controllano bene e la portano a casa. Li attende ora il Grosseto al "Sinigaglia" domenica 11 aprile.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Aprile 1948 elezioni del Parlamento repubblicano: maggioranza assoluta alla DC (48,7%).

Social

newFB newTwitter