Como, 13 settembre 2017   |  

Como: spacciano al parco tra mamme, bambini e turisti

Nella serata di ieri martedì 12 Settembre, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Como, hanno arrestato, in flagranza del reato di spaccio di sostanze stupefacenti, 2 uomini e deferito in stato di libertà, per il medesimo reato, una ragazza.

fotolia 3076393 s

Si tratta di un giovane, trentenne, originario del Gambia, irregolare sul Territorio, di un 17enne, di Como e di una coetanea di quest’ultimo, originaria del territorio comasco. Le manette sono scattate nel corso di uno dei tanti servizi di controllo del territorio svolti dalla Comapgnia lariana, per reprimere lo spaccio di sostanze stupefacenti, per lo più eseguito da cittadini extracomunitari, all’interno di parchi pubblici.

Nel corso dello stesso, eseguito presso il parco “Sant’Elia”, sito nella medesima via del capoluogo, i Carabinieri hanno notato che il cittadino del Gambia, M.J., aveva ceduto, in più occasioni, 4 dosi di marijuana – parliamo di “cinquino” o “cinquello” gergo giovanile – ad altrettanti minori, dietro il pagamento di 5/10 € ciascuno. Altresì notavano il minore che si avvicinava a M.J., unitamente alla ragazza, sua fidanzata, e gli mostrava qualcosa che conteneva in un contenitore in latta, acquistando altresì due dosi di stupefacente.

A questo punto sono intervenuti i Carabinieri ed hanno sottoposto a controllo sia M.J., rinvenedogli addosso altre 3 dosi di stupefacente e la somma contante di 35,00 €, provento della precedente attività di spaccio, che i due minorenni – il ragazzo è stato trovato in possesso di 110 gr di marijuana costituita da fiori di canapa indiana, mentre la ragazza di complessivi 7 gr, del medesimo stupefacente, suddiviso in 7 dosi. Pertanto, contattate le competenti Autorità Giudiziarie – ordinaria e per i minorenni di Milano – M.J. è stato tratto in arresto ed associato al carcere di Como, il 17enne, tradotto presso il “Beccaria” di Milano e la giovane deferita in stato di libertà.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newFB newTwitter