Como, 15 ottobre 2020   |  

Como, Villa Olmo, torna la fiera del libro

Quella che sta per celebrarsi è l'ottava edizione. Dal 29 ottobre al primo novembre il Palacinema di Locarno e il teatro del Gatto di Ascona ospiteranno come da consolidata tradizione gli eventi letterari Monte Verità. Il filo conduttore scelto quest'anno dagli organizzatori non poteva che essere in linea con il difficile momento causato dall'emergenza Covid ovvero "Grandi speranze", tratto da un romanzo di Charles Dickens. Speranze di potersi affrancare al più presto dalla pandemia anche grazie all'apporto della cultura e dei momenti di approfondimento che sa sempre offrire in ogni spazio e tempo. "Vuole essere un'occasione per riflettere insieme a illustri ospiti internazionali - spiegano gli organizzatori ovvero l'associazione"Eventi letterari Monte verità" - sugli enormi passaggi sociali e culturali che stiamo vivendo e su quelli che ci attendono, dalle migrazioni dei popoli al desiderio di una maggiore equità nel mondo, dalle improrogabili scelte ambientali alla ricerca di un equilibrio con le nuove tecnologie che rischiano di oscurare l'umanesimo su cui è stata costruita la nostra civiltà". Giovedì 29 ottobre alle 19 la rassegna si aprirà con lo scrittore anglo-pakistano Hanif Kureishi al palacinema di Locarno che parlerà delle dinamiche derivanti dalla discriminazione razziale e della conseguente necessità di realizzare nel nome di un'autentica civiltà una sempre maggiore integrazione. Intenso il programma di venerdì 30 ottobre con il filosofo Emanuele Coccia alle 16, la scrittrice georgiana Nina Haratischwili (17.30) e la scrittrice Melania Mazzucco alle 21. Sabato 31 ottobre alle 11 sarà consegnato invece alla casa editrice "Iperborea" il premio intitolato alla memoria di Enrico Filippini, giornalista e traduttore svizzero-italiano scomparso nel 1988 a soli 56 anni. Alle 14 interverrà lo scrittore Jon Kalman Stefansson, alle 16 l'autrice svizzera Simone Lappert e alle 17.30 lo scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun. Alle 21 il poeta tedesco Durs Grunbein parlerà del mondo poetico di Dante, di cui ricorre quest'anno il settimo centenario dalla morte, con Fabio Pusterla e Stefano Prandi. L'attore Leonardo De Colle leggerà dei versi dell'immortal poema "La divina commedia". Di socialismo e capitalismo parlerà domenica primo novembre lo scrittore Ingo Schulze. Evento di chiusura alle 15 dal titolo "Voci dal mondo sospeso" che, spiegano gli organizzatori, "vuole essere un'occasione per riflettere sulle nuove prospettive, tra paura e attesa, generate dalla pandemia". Nino Haratischwili, Fabio Pusterla ed Emanuele Trevi sono i tre autori che offriranno al riguardo spunti suggestivi di riflessione accompagnati dagli intermezzi musicali del "Liberty duo". Per l'intera durata della manifestazione sarà proposto anche il cosiddetto "Cenacolo " riservato ai giovani autori provenienti dalle diverse regioni linguistiche elvetiche.

books 5053733 640

"Fiera del libro" e "Associazione parolario" si ritroveranno dal 23 Ottobre all'1 Novembre a "Villa Olmo" per regalare momenti comuni di divulgazione culturale, coniugando il momento commerciale della vendita dei volumi con quello della riflessione e dell'approfondimento garantito dall'organizzazione di alcuni dibattiti.

Tra questi figura quello di mercoledì 28 Ottobre alle 21 dove il noto economista Carlo Cottarelli parlerà del suo libro "Pachidermi e pappagalli, tutte le bufale sull'economia a cui continuiamo a credere". L'appuntamento giunge in un momento certamente delicato a causa dell'emergenza Covid. E, se da un lato si impongono restrizioni per il bene della salute di tutti, dall'altro emerge viva, e forse in questo momento in modo particolarmente marcato, l'esigenza di tenere vivo l'interesse per la cultura e per la sua promozione con iniziative eterogenee.

"Parolario - dicono gli esponenti dell'associazione in una lettera - festeggerà i suoi primi vent'anni insieme alla Fiera del libro; dopo venti edizioni e dopo aver percorso strade diverse abbiamo voluto riunirci per darci forza gli uni con gli altri". La necessità comune è di ripartire di slancio "con il coraggio che ci ha sempre contraddistinti - prosegue la nota di Parolario - e la speranza di regalare alla città qualcosa di utile (la cultura è sempre stata utile, ora di più) e bello in questo difficile momento".

Nella consapevolezza che l'emergenza sanitaria non può frenare comunque la fecondità del pensiero e il desiderio di assecondarla attraverso la passione per la lettura e l'approfondimento. "Abbiamo deciso di ritornare alle origini - prosegue Parolario - riunendo le due anime, quella culturale (Parolario) con quella commerciale (Associazione manifestazioni librarie, organizzatore della fiera del libro) anche perchè entrambe hanno il medesimo obiettivo: promuovere e incentivare la diffusione della cultura a tutto tondo, della cultura libraria, del libro e della lettura". Alcuni appuntamenti avranno quale sede anche villa Bernasconi a Cernobbio. (Cri. Com.)

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Ottobre 1866 – Annessione attraverso plebiscito del Veneto, a seguito della sua cessione dalla Francia all'Italia avvenuta il 19 ottobre 1866

Social

newFB newTwitter