Como , 06 novembre 2021   |  

Como vince al Luigi Sinigaglia

di cristiano comelli

Il sogno continua. Il Como batte il Perugia

perugia

Il sogno continua. Il Como stende al "Luigi Sinigaglia" il Perugia con un netto 4-1 e si mette in cassaforte due traguardi prestigiosi. Il primo, più contingente, è il settimo risultato utile di fila che coincide con la quinta vittoria nelle ultime sei gare. Il secondo è un sesto posto al fianco di Benevento e Cremonese che vale la zona playoff, quella dove ci si gioca la massima serie calcistica.

La partita non ha praticamente avuto storia con i lariani a tenerne le redini dal primo minuto di gioco realizzando quattro reti soltanto nella prima frazione. Le occasioni degli umbri si sono contate invece sulle dita di una mano. Insomma, un Como in pienissima salute e sempre più modellato sulla determinazione del suo tecnico Giacomo Gattuso.

PRIMO TEMPO - Già al 7' i lariani fanno la voce grossa con l'ex Ternana La Gumina che, servito da Chajia, spegne dal limite la luce del portiere ospite ex Spezia Chichizola. All'11' potrebbe già arrivare il raddoppio ma Parigini si vede negare dal palo la gioia del gol. Al 15', invece, il 2-0 si materializza per merito di un rigore trasformato da Cerri e concesso per un intervento con il braccio di Dell'Orco. Al 18' i lariani dilagano con Bellemo che, servito da Cerri, infila Chichizola da distanza ravvicinata. Il Perugia appare frastornato e incapace di reagire, eccezion fatta per l'ex Pordenone Burrai che al 20' non impensierisce però Gori. Al 28' Solini, di testa, sigla il poker su assist di Vignali sugli sviluppi di un corner. Il primo tempo va in archivio con un monologo comasco.

SECONDO TEMPO - Al 3' De Luca esprime la prima fiammata degli umbri con la sua rete del 4-1 da distanza ravvicinata. Al 14' prova a ripetersi di testa ma Gori è attento. Al 27' il Como prova a centrare il pokerissimo ma la conclusione di Chajia è deviata in corner da Chichizola. Il portiere perugino interviene anche al 32' per sventare il tiro di Cerri . Al 42' gli ospiti provano a rendere il passivo meno pesante con Gyabuua ma il suo tiro termina fuori misura. Como stellare che comincia a scoprire le carte sulle sue ambizioni.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Gennaio 1982 i carabinieri Giuseppe Savastano ed Euro Tarsilli vengono assassinati da esponenti dei Comunisti Organizzati fermati per un controllo

Social

newFB newTwitter