Como , 30 giugno 2018   |  

Contratti di filiera e consumo di suolo

Discussione al centro nell’assemblea Coldiretti di Milano, Lodi e Monza

Assemblea Coldiretti Cuggiono 280618 10

Contratti di filiera per stabilizzare nel tempo mercati e prezzi dei prodotti agricoli e garantire reddito a famiglie e imprese. La Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza punta a consolidare il modello vincente basato su qualità, legame con i territori e valorizzazione delle produzioni che ha permesso al Made in Italy agroalimentare di continuare a crescere. Se n’è discusso nell’assemblea della Federazione interprovinciale che si è tenuta nell’agriturismo La Galizia di Cuggiono (MI).

«L’export agroalimentare italiano – ha ricordato Alessandro Rota, Presidente della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza - ha raggiunto nel 2017 quota 41 miliardi di euro, quello lombardo ha toccato il record di 7 miliardi; è boom anche per l’esportazione dei prodotti lattiero caseari, mentre sul mercato interno i consumi di carne sono tornati a crescere dopo 5 anni difficili. Certo, ci sono ancora tante cose da fare, ma mi domando dove saremmo oggi se Coldiretti non avesse messo in campo una strategia vincente».

A presentare il progetto economico della Coldiretti è intervenuto Gianluca Lelli della Confederazione nazionale, che tra le altre cose si è soffermato sul successo di Campagna Amica, sulla nuova sfida di Filiera Italia e sull’impegno nel garantire prezzi adeguati agli imprenditori agricoli. Ha portato il saluto di Regione Lombardia l’Assessore al Territorio Pietro Foroni, che ha difeso le politiche sulla riduzione del consumo di suolo agricolo e ha auspicato nuovi interventi a tutela del Made in Italy e delle filiere lombarde, da valorizzare anche nelle scuole.

«Ho apprezzato le parole dell’Assessore Foroni alla nostra assemblea – ha spiegato il Presidente della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza –. Il rapporto con la Regione è improntato alla collaborazione a partire dai temi caldi come ad esempio quello della gestione delle risorse idriche e del controllo della fauna selvatica. Adesso ci attendono scadenze importanti come la stesura della nuova Politica Agricola Comune», ha continuato Alessandro Rota, che ha poi ricordato il ruolo dell’agricoltura come presidio a tutela dei territori e dell’ambiente.

I soci della Coldiretti riuniti a Cuggiono hanno approvato all’unanimità il bilancio della Federazione, che chiude con un saldo positivo. «Con questi conti – ha concluso il Presidente Rota - diventa più facile guardare al futuro e allo sviluppo di Coldiretti sul territorio milanese, lodigiano e della brianza monzese».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newFB newTwitter