Como , 13 dicembre 2017   |  

Capretti nominato primario emerito. Presentato il nuovo assetto della Chirurgia Generale

Il titolo è stato attribuito all’ex primario della Chirurgia Generale oggi pomeriggio in occasione del tradizionale incontro per gli auguri natalizi. Alla guida dell’Unità Operativa dalla metà di ottobre c’è Roberto Caronno, che ha presentato la progettualità del reparto

CAPRETTI 1

Pietro Giuseppe Capretti nominato primario emerito. Oggi pomeriggio l’ex primario della Chirurgia Generale dell’ospedale Sant’Anna è stato insignito del titolo onorifico dalla Direzione Generale dell’Asst Lariana in occasione del tradizionale incontro per lo scambio di auguri natalizi. Il direttore generale Marco Onofri ha consegnato al dottor Capretti, in pensione dalla metà di ottobre, una pergamena ricordo che motiva la decisione con queste parole: “per l’attività chirurgica di eccellenza, in particolare in ambito oncologico, per l’importante contributo scientifico, per l’innovazione dell’Unità Operativa da lui diretta in un’ottica multidisciplinare mediante l’introduzione di tecniche all’avanguardia, infine distinguendosi per la profonda umanità e vicinanza nel rapporto con i pazienti e per la sapiente gestione delle relazioni”.

Dopo l’attribuzione del primariato emerito la Direzione ha presentato il nuovo assetto dell’Unità Operativa di Chirurgia Generale del presidio di San Fermo, da metà ottobre accorpata con la Chirurgia Generale a indirizzo vascolare e toracico, come previsto dal nuovo Piano di organizzazione aziendale strategico (Poas). Il nuovo assetto, come ha spiegato il direttore sanitario Fabio Banfi, prevede un’unica struttura complessa di Chirurgia Generale diretta da Roberto Caronno, già primario della Chirurgia generale a indirizzo vascolare e toracico, nominato a seguito del pensionamento del dottor Capretti. Questa nuova configurazione ha consentito di avviare la riorganizzazione e un ulteriore potenziamento di questo settore specialistico. Dal momento della fusione dei due reparti, inoltre, non è cambiata l’offerta finora garantita dal presidio di via Ravona né la sua capacità di essere un punto di riferimento per la cittadinanza sia per l’attività in emergenza-urgenza sia per quella programmata.

La nuova Unità Operativa diretta da Roberto Caronno si articola in una struttura semplice di Chirurgia Toracica d’Urgenza, una di Chirurgia Vascolare e una di Chirurgia Senologica. L’U.O. si avvale anche della consolidata sinergia operativa con la struttura semplice dipartimentale di Chirurgia Generale a indirizzo polispecialistico per le Urgenze, diretta da Daniele Lovotti e afferente al Dipartimento Chirurgico.

Come ha ricordato Roberto Caronno, il nuovo primario, l’U.O. da gennaio a dicembre ha effettuato 1.252 interventi, oltre 5mila prestazioni ambulatoriali e 1.189 ricoveri. «La complessità della casistica, ha aggiunto lo specialista, è aumentata dell’1 per cento. Tra i principali progetti per l’anno prossimo ci sono lo sviluppo della chirurgia robotica in ambito senologico, toracico e vascolare. Inoltre, stiamo lavorando per un potenziamento sul fronte della chirurgia laparoscopica, anche in collaborazione con il presidio di Cantù, e della chirurgia epatica maggiore».

Per quanto riguarda il numero complessivo dei chirurghi generali è rimasto invariato, in totale sono 20  e con un unico primario sarà più agevole gestire i turni di guardia e reperibilità e garantire un potenziamento della capacità produttiva.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Dicembre 1842, a Fraciscio di Campodolcino (Como),  nasce don Luigi Guanella (morirà a Como il  24 ottobre 1915), riconosciuto santo dalla Chiesa cattolica.  A lui si deve la fondazione delle congregazioni cattoliche dei Servi della Carità e delle Figlie di Santa Maria della Divina Provvidenza.

Social

newFB newTwitter