Como, 07 dicembre 2019   |  

Dal conservatorio di Como alle luci dello Zecchino d'Oro

di Donatella Salambat

Federica Spreafico, laureatasi al Conservatorio di musica del capoluogo comasco “Giuseppe Verdi” parteciperà alla 62^ edizione dello Zecchino d'Oro con il brano “Mettici la salsa”

Trio lecchese zecchino

da sinistra Federica Spreafico, Francesca Negri e Stefano Fumagalli

Il conservatorio di musica di Como “Giuseppe Verdi” vedrà, tra qualche settimana, una delle sue ex allieve calcare il palco della 62^ edizione dello Zecchino d'Oro.

Federica Spreafico, laureatasi al conservatorio di musica di Como in canto jazz, insieme al marito Stefano Fumagalli (musicista) e all'amica Francesca Negri (professoressa di lettere) è una delle autrici del brano “Mettici la salsa”.

L'idea nasce da momenti di vita quotidiana dell'amica Francesca che ha un bimbo di nome Gioele di nove anni che ama mangiare tutto in bianco compresa la pasta e non ama sperimentare altri sapori come il fratellino più piccolo, Nicolò.

Francesca Negri professoressa di lettere all’Istituto Superiore Bertacchi di Lecco dal 2009 ama moltissimo la sua professione di insegnante a contatto ogni giorno con alunni dalle diverse attitudini. Col suo lavoro ogni giorno deve far crescere negli studenti la voglia di esplorare, conoscere, sviluppare, quindi chi meglio di lei poteva trovare le parole giuste ed efficaci per scrivere un testo rivolto alle giovani generazioni da inviare alla manifestazione canora più conosciuta al mondo?

Altro componente del trio è il marito, Stefano Fumagalli, che ha realizzato un provino chitarra e voce, registrato da Stefano presso il suo studio di Lecco (Hdstudio). La canzone è stata poi arrangiata e prodotta dal maestro Beppe Vessicchio presso le l’Antoniano di Bologna.

Stefano, lecchese, classe 1983 ha frequentato a Lecco dalle scuole elementari fino al liceo classico Grassi, ha fatto parte degli Scout e in quegli anni ha conosciuto Francesca alla quale è tuttora legato da profonda amicizia. Per Stefano la musica è stata e sempre sarà una parte importante della sua vita. Bimbo vivace, come da sua stessa ammissione, si avvicina al mondo della musica all’età di dieci anni quando comincia a prendere confidenza con la chitarra classica. Da allora quel mondo lo ha rapito e ne è diventato un valente professionista creando anche uno studio di registrazione dove realizza prodotti discografici, colonne sonore comprese. L'esperienza l'ha portato anche a creare allestimenti multimediali tanto da coniugare musica e informatica.

Dopo tanto lavoro s'è avverato il sogno del trio lecchese: partecipare alla manifestazione canora destinata all'infanzia più famosa al mondo. Scrivere testo e musica per un pubblico di bambini è più difficile che creare canzoni per un pubblico adulto. Stefano, Francesca e Federica hanno dovuto attingere a tutta la loro esperienza per trovare il linguaggio adatto ai più piccini.

Per il giovane trio, lo Zecchino d'Oro, sarà un'opportunità di vivere un'esperienza che va ben oltre la competizione canora; conosceranno infatti un mondo fatto di volontari attenti alle esigenze dei bambini e proveranno la gioia di vivere momenti di condivisione autentica.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

14 Dicembre 1782 ad Annonay, in Francia, i fratelli Montgolfier fanno il primo volo con il prototipo di mongolfiera

Social

newFB newTwitter