Cantù , 04 febbraio 2018   |  

Derby numero 141 tra Red October e Openjobmetis Varese

Derby che si svolgerà lunedì 4 Febbraio, tra le due squadre che vedrà da una parte il miglior attacco del campionato (Cantù), dall’altra la migliore per rimbalzi (Varese).

DavidCournooh fotoGorini derby Varese Cantu

Lunedì sera, alle ore 20:45, la Red October Cantù di coach Marco Sodini affronta la Openjobmetis Varese per un altro derby lombardo in pochi giorni, il secondo consecutivo dopo la trasferta in quel di Cremona nel turno precedente. Quello tra Cantù e Varese sarà il derby numero 141 tra le due squadre che, in passato, hanno sempre dato vita a sfide di grande fascino. Al “PalaBancoDesio” arriva un’avversaria in salute, consapevole di potersela giocare con tutti dopo le sorprendenti vittorie contro Reyer Venezia e Olimpia Milano. Gli ultimi successi contro la formazione campione d’Italia in carica e contro il blasone milanese hanno dato  alla squadra di coach Attilio Caja fiducia e convinzione, due caratteristiche un po’ smarrite dopo che i biancorossi avevano perso ben cinque partite consecutive.

Un balzo in avanti importante per la Openjobmetis, adesso a quota 12 punti in classifica ed a +4 dall’ultimo posto occupato dalla VL Pesaro. Red October, invece, ancora tra le prime otto del campionato con un bottino di 18 punti (9 vittorie e 8 sconfitte).

Roster estremamente rinnovato, quello varesino, che nel corso della stagione ha dovuto cambiare tanto tra infortuni e scelte tecniche. Fuori Damian Hollis (andato a Bergamo in A2) e Antabia Waller, il quale - nonostante la rescissione contrattuale con il club - resterà in biancorosso per il percorso di riabilitazione dopo un brutto infortunio ad un ginocchio. Dentro Siim-Sander Vene, esperta ala estone ex Zalgiris Kaunas, e Tyler Larson, play/guardia nativo di Las Vegas presentato ieri alla stampa dopo l’esordio contro Milano.

Quintetto titolare di Caja composto da elementi di spicco come Cameron Wells e Stanley Okoye, il primo segna oltre 11 punti di media a partita, ai quali bisogna aggiungere però anche 3.8 assist e 2.5 rimbalzi; mentre il secondo è il miglior marcatore della squadra con 14 punti di media ad allacciata di scarpe e 7.7 rimbalzi di media.

Quest’ultimo fu determinante nel match di andata a Masnago (95- 64), segnando a Cantù 22 punti, mettendo a referto anche la bellezza di 18 rimbalzi. Quanto a Wells, invece, l’esterno texano viene da una splendida performance, autore di 23 punti, 7 rimbalzi e 5 assist nel match vinto contro Milano, che chiuse con 34 di valutazione e la palma di MVP. Completano lo starting five il centro Tyler Cain (8.6 punti e 8.3 rimbalzi di media) ed il capitano Giancarlo Ferrero (8.7 punti), entrambi fondamentali per il gioco di Varese, seppur per diversi motivi. Cain è il miglior rimbalzista della squadra – quarto in Serie A – mentre Ferrero è uno dei giocatori sui quali Caja punta di più, pupillo del proprio allenatore per la sua grande capacità di difendere forte contro chiunque, dotato di un buon tiro dall’arco oltre che di una grinta molto spiccata.

Salvo in qualche occasione, dalla panchina poi entrano elementi di talento come Norvel Pelle e Aleksa Avramovic, quest’ultimo autentico sesto uomo della squadra con punti pesanti nelle mani (8.5 di media in 19’ scarsi di impiego), grande protagonista nel match contro l’Olimpia con 18 punti a segno in 21’, con quattro “bombe” a bersaglio su sei tentate. Chiudono il roster il playmaker ex Ravenna Matteo Tambone - altra pedina preziosa per coach Caja, eroe della vittoria di Venezia con 17 punti a referto – e l’ala Nicola Natali, 30 anni il prossimo settembre ma esordiente nella massima serie dopo tanta gavetta in A2.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Maggio 1937 comincia la costruzione a Roma dell'Eur 42, per celebrare nel 1942 il ventennale della marcia su Roma

Social

newFB newTwitter