Como , 27 gennaio 2018   |  

Diocesi Como celebra la liturgia della parola

Riflettere sul dono della parola, un'occasione che si realizzerà domenica 28 Gennaio momento vissuto in altre diocesi lo scorso 24 Settembre

bibbia

Domenica 28 Gennaio, la  diocesi di Como offre la possibilità di fermarsi a riflettere sul dono della Parola. Su "www.diocesidicomo.it", alla pagina dell’Ufficio Liturgia si possono trovare  materiali  per celebrare  la “Domenica della Parola” nelle diverse comunità  proposte per la preghiera dei fedeli, gesti significativi durante la celebrazione (processione introitale, atto penitenziale, liturgia della Parola…), proposte di sensibilizzazione (banchetti informativi, stand sulla Bibbia, animazione per i ragazzi, lectio continuata di alcuni libri della Bibbia. 

Molte diocesi hanno vissuto la “Domenica della Parola” lo scorso 24 Settembre, anche alla luce di una proposta a cura delle Congregazioni  Paoline e Comunità di Sant’Egidio: per la nostra Chiesa diocesana l’appuntamento cade domenica 28 gennaio. «Cari amici – ha spesso raccontato il papa – se vedeste la mia Bibbia, forse non vi farebbe una grande impressione… Un vecchio libro tutto consumato! Amo la mia vecchia Bibbia, che mi accompagna da una vita. È stata testimone della mia gioia ed è stata rigata dalle mie lacrime… Per me è un tesoro inestimabile. Vivo a partire da questa Bibbia. Non la darei via per nulla al mondo». Spiegando il suo modo di rapportarsi alla Bibbia il Santo Padre confida che «la leggo e poi mi lascio guardare da Dio… E avverto quello che il Signore mi dice… Leggo e prego…». Francesco, in un suo recente intervento, ha anche ricordato i cristiani perseguitati: «condannati perché portano una croce, rendono testimonianza a Gesù e posseggono la Bibbia! La Bibbia, quindi, è un libro talmente pericoloso che, in alcuni luoghi, averne una è equiparato a nascondere delle armi». 

Ma cosa significa avere fra le proprie mani una Bibbia? «Non è un capolavoro letterario che racconta belle cose del passato – è la risposta del Pontefice –! È la Parola di Dio attraverso la quale la luce è giunta nel mondo. E non si spegnerà più». Tenere in mano la Bibbia vuol dire «avere in mano qualcosa di divino: un libro che brucia, come il fuoco! La Bibbia – è l’ammonizione di Francesco – non esiste per essere messa sullo scaffale, ma per essere presa in mano… Leggetela con attenzione! Non rimanete in superficie! Domandatevi: cosa dice al mio cuore? Dio mi parla? Solo in questo modo la Parola di Dio può diffondersi e solo così la nostra vita può cambiare, può diventare grande e bella».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

12 Dicembre 1901 Guglielmo Marconi riceve il primo segnale radio transoceanico.

Social

newFB newTwitter