Como, 10 maggio 2019   |  
Politica   |  Opinioni

L'umanesimo europeo non è morto

di Alberto Comuzzi

La cultura del Vecchio Continente è intrisa di quei valori giudaico-cristriani che hanno aiutato lo sviluppo di popoli e nazioni. Il contributo della Chiesa per un'Europa che torni ad essere faro di civiltà.

100 e Giovanni Paolo II Parlamento

San Giovanni Paolo II l’11 Ottobre 1988 al Parlamento di Strasburgo.

Dal 1939 al 1978 gli interventi pontifici sull'Europa sono stati 136 (36 di Pio XII, 7 di Giovanni XXIII e 93 di Paolo VI). Durante il suo pontificato (1978 – 2005) San Giovanni Paolo II ha dedicato all'Europa oltre 700 interventi, mentre non ci sono ancora statistiche ufficiali su quelli di Benedetto XVI e di Papa Francesco.

Questi numeri dicono già quale attenzione i massimi esponenti del Magistero cattolico abbiano dedicato al Vecchio Continente negli ultimi 80 anni. Si tratta, ovviamente, di interventi di vario genere: discorsi, scritti, parti di encicliche, esortazioni apostoliche nei quali emergono idee fondamentali connesse con la realtà di un Continente che, nei secoli, è stato la culla della civiltà occidentale.

È interessante notare che l'idea di Europa che avevano in testa e che quindi hanno proposto i Papi citati – e in particolare quella che si riscontra nel magistero di san Giovanni Paolo II – abbraccia tutti i popoli presenti nelle terre che delimitano e configurano il Vecchio Continente, dall’Atlantico agli Urali, dal Mare del Nord al Mediterraneo.

Sotto il profilo antropologico e culturale poi l’identità dell’Europa che emerge dal Magistero cattolico va ben oltre i confini della tradizione occidentale o latina perché va ad abbracciare anche quella orientale. L'Europa, di fatto, è il frutto di entrambe le due tradizioni cristiane che risultano pertanto complementari e ha una storia che prende inizio fin dagli Apostoli: Pietro e Paolo muoiono a Roma tra il 64 e il 67 d. C.

Diventa pertanto oggettivamente difficile non riconoscere che l'Europa sia caratterizzata dal cristianesimo e che la cultura cristiana ne costituisca le radici su cui si fonda la sua stessa identità. Può non piacere, ma è un dato storico incontrovertibile che i valori espressi dal Vangelo, che sono alla base dell'umanesimo europeo, hanno aiutato l'umanità a progredire là dove essa, proprio da quei valori, s'è fatta permeare.

Chissà  perché i Paesi occidentali sono così attraenti per milioni di uomini? Come mai i valori dell'umanesimo europeo garantiscono quella qualità della vita anelata e invidiata da milioni di uomini in Africa, in Medio Oriente, in Asia e in Oceania?

Dovrà pur esserci qualche motivo se una larga parte dell'umanità aspira ad avere, spesso senza saperlo, quei diritti che l'umanesimo europeo ha avuto in dono dal Vangelo: la dignità della persona, il carattere sacro della vita, il ruolo centrale della famiglia, l’importanza dell’istruzione, la libertà di pensiero, di parola e di professione delle proprie convinzioni o della propria religione, la tutela legale degli individui e dei gruppi, la collaborazione di tutti per il bene comune, il lavoro inteso come partecipazione all’opera precisa del Creatore, l’autorità dello Stato a sua volta governato dalla legge e dalla ragione.

Il 26 Maggio, quando andremo a votare per rinnovare il Parlamento europeo, sarà utile individuare, attraverso i tre voti di preferenza, quei candidati che abbiano coscienza delle radici giudaico-cristiane del nostro Continente. Sarà anche utile discernere tra coloro che hanno (o non hanno) memoria di ciò che è stata ed è la cultura dell'Europa.

Aldilà delle polemiche tra sovranisti e non sovranisti, tra populisti e non populisti, il compito che ci aspetta, come elettori, è di spendere qualche ora del nostro tempo per aggiornarci sui curriculum dei candidati.

Se l'Europa dei mercanti ha mostrato tutti i suoi limiti, per realizzare quella che ci piace, quella cioè che aiuta i popoli ad affratellarsi e a collaborare tra di loro, occorre sostenere quelle persone che in tali valori credono, meglio ancora se hanno già mostrato di viverli.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Ottobre 1879 Thomas Edison testa la prima lampadina funzionante in modo efficace (resterà accesa per 13 ore e mezza prima di bruciarsi)

Social

newFB newTwitter