Fino Mornasco , 11 gennaio 2018   |  

Fino Mornasco: le donne si raccontano

di cristiano comelli

Elena Merazzi ha realizzato l'iniziativa con un libro "Le finesi si raccontano" per rendere le donne protagoniste nel giorno a loro dedicato l'8 Marzo

f1 0 cremona le iniziative dell 8 marzo 2017 giornata internazionale della donna

Il lavoro, l’amore per il proprio paese, gli affetto. E quella sensibilità che hanno come peculiarità dorata. Le donne di Fino Mornasco hanno molto da raccontare. E il Comitato pari opportunità che esiste da circa tre anni ed è coordinato da Elena Merazzi ha pensato di tendere loro la mano in modo concreto. Ha infatti messo in campo l’iniziativa di un libro dal titolo “Le finesi si raccontano”. 

 L’interesse suscitato dall’idea e il materiale disponibile sono stati talmente elevati da rendere necessario procrastinare il limite per la raccolta documentaria a fine gennaio. Il discorso non affiora dal nulla ma rappresenta un’ulteriore tappa nell’evoluzione dell’attività di un organismo da sempre attento a promuovere la dignità della donna ma anche a strizzare l’occhio al mondo del volontariato. Ed è proprio Merazzi, con comprensibile orgoglio, a illustrare questo fiore denso di petali colorati di impegno vero e non semplicemente proclamato: «l’anno precedente-  spiega – avevamo avviato un discorso dal titolo "Lui  per lei” dove lui significa il comune ma anche l’uomo , siamo riusciti a raccogliere le foto di centinaia di finesi e abbiamo esposto striscioni per rendere le donne protagoniste nella festa a loro dedicata dell’8 Marzo».

E gli uomini finesi hanno dimostrato in modo tangibile di avere a cuore la dignità del gentil sesso concittadino «tanto che – spiega ancora Merazzi – quando abbiamo proposto loro di mettere una firma di solidarietà verso le donne su uno striscione di tre metri quadrati per condannare la violenza alle donne, loro lo hanno firmato in ogni angolo, non vi era più nemmeno uno spazio libero».

Ma la copiosa attività del Comitato non si arresta a questo punto. Nella sua ancora giovane ma intensa esistenza, infatti, ha promosso corsi per badanti dando rilevanza al sempre attuale tema dell’assistenza agli anziani, ha sostenuto il progetto degli alloggi per padri separati che saranno gestiti dalla cooperativa di don Fortunato già attiva nel sostegno ai tossicodipendenti intenzionati a far tornare a risplendere il sole sulla loro vita dopo anni di lacerante oscurità. Insomma, il seme gettato dal Comitato tre anni fa ha fatto germogliare una pianta robustissima. Che promette di crescere ancora in altezza a suon di proposte coinvolgenti e ispirate sempre all’aureo concetto della promozione della dignità di ogni persona.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newFB newTwitter