Como, 27 giugno 2018   |  

Giochi del Mediterraneo: Ficco d’oro

Bordignon doppio argento, Gianelli di bronzo. Gli Azzurri dei Pesi chiudono col botto un bottino di 10 medaglie

Ficco

Giornata conclusiva per gli Azzurri dei Pesi a Tarragona, per la 18esima edizione dei Giochi del Mediterraneo. Si patte con un super Cristiano Ficco che con i suoi 17 anni sbaraglia la concorrenza vincendo la medaglia d’oro nella specialità dello strappo, nella categoria 85 kg, davanti al greco Dimitrios Aslanidis (152) e al tunisino Ramsi Bahloul (151). Entrata a 145 kg, poi 149 kg in seconda prova e infine 153 in terza, una progressione affrontata con sangue freddo e nervi saldi, che annichilisce ogni speranza degli avversari e gli consegna non solo la medaglia più preziosa in palio ma che gli consente anche di mettere la firma su due nuovi record italiani della classe Under17. Il giovane atleta dell’Esercito tenta lo stesso iter anche nello slancio, provando a sollevare 186 kg in terza prova, misura che lo avrebbe visto prevalere su tutti, non riuscendo però nella seconda impresa di giornata. Si ferma infatti a un kg dal podio con 182 kg in seconda prova.

La giornata prosegue con Giorgia Bordignon e Milena Gianelli, protagoniste della categoria 69 kg. L’atleta delle Fiamme Azzurre conquista un doppio argento primo nello strappo poi nello slancio; nella prima specialità resta valida per lei la prima prova a 97 kg, con qualche rammarico per il terzo tentativo andato a vuoto a 106 kg. Nello slancio poi basta la seconda alzata a 122 kg per piazzarsi dietro l’atleta egiziana Sara Ahmed, irraggiungibile a 135 kg. Bronzo nello strappo invece per l’altra azzurra Milena Gianelli, che con una bella progressione di 87, 89, 93, riesce a ottenere una medaglia importante nella sua prima uscita internazionale.

La giornata si conclude poi con Matteo Curcuruto, prima sesto nello strappo poi quinto nello slancio nella categoria 94 kg. Gli Azzurri dei Pesi chiudono quindi la spedizione internazionale con un super bottino di 10 medaglie.

Sabato, giornata di esordio a Tarragona, gli Azzurri hanno subito portato a casa due Bronzi: Di Giusto (62 kg maschile) nello slancio e Alessandra Pagliaro (48 kg femminile) nello strappo. E’ stata poi la volta di Mirko Zanni che regala la terza medaglia all'Italia, con l’Argento nello strappo nella 69 kg: per lui il Record italiano assoluto di strappo della 69 kg con 145 kg. Nella 53 kg femminile è poi dominio azzurro con Jennifer Lombardo e Giorgia Russo.

Nel giorno del suo 27° compleanno, l’atleta siciliana della Polizia Penitenziaria entra in gara nello strappo con 81 kg sul bilanciere, mettendo subito in fila tutte le rivali che a una ad una cedono: Jennifer poi, già sicura dell’Oro, sbaglia prima gli 84 kg in seconda per poi mettere il sigillo alla gara sollevando 85 kg in terza.

Nello slancio le due Azzurre hanno un altro passo su tutte: entrano in gara per ultime, prima la Russo che mette al sicuro 102 kg e poi la Lombardo che fa la stessa cosa con 105 kg. La coppia Azzurra, già sicura delle prime due posizioni, si sfida per l’Oro, ma Jennifer Lombardo ha un passo in più con 108 kg sollevati in seconda prova mette la ciliegina sulla torta a una grande prestazione che le vale anche i nuovi record assoluti di slancio e totale della categoria fino a 53 kg.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Luglio 1894  si svolge quella che è considerata la prima vera competizione automobilistica della storia, la Parigi-Rouen.

Social

newFB newTwitter