Como, 20 settembre 2018   |  

Due disegni di Sant'Elia protagonisti in una mostra del '900

La Pinacoteca civica di Como ha prestato due disegni di Sant'Elia a una importante mostra sull'arte italiana del '900 che a partire da domani, 21 settembre, si svilupperà su sette sedi del Piemonte, tra cui Biella, Vercelli e Torino.

pinacoteca civica civic

"100% Italia - Cento anni di capolavori", questo il titolo dell'esposizione, che presenta i disegni di Sant'Elia "Torre con lanterne" del 1912, ripreso poi per la costruzione del Monumento ai Caduti, e "Casamento con ascensori esterni, galleria, passeggio coperto su tre piani stradali, fari e telegrafia senza fili" del 1914.

La Pinacoteca civica di Como ha prestato due disegni di Sant'Elia a una importante mostra sull'arte italiana del '900 che a partire da domani, 21 settembre, si svilupperà su sette sedi del Piemonte, tra cui Biella, Vercelli e Torino.

Entrambi saranno esposti a Palazzo Gromo Losa, un pregevole palazzo del XV secolo oggi proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, situato nel borgo storico del Piazzo, che è stato scelto come sede biellese dedicata alle opere grafiche del Futurismo.

La mostra è curata da alcuni dei più importanti storici dell'arte italiana come Luca Beatrice, Lorenzo Canova, Claudio Cerritelli, Marco Meneguzzo, Elena Pontiggia, Luigi Sansone, Giorgio Verzotti, e sarà visitabile fino al 10 febbraio 2019.

«Questo nuovo prestito a una iniziativa culturale di rilievo, come la mostra che parte, venerdì 21 Settembre,  sull'arte italiana del Novecento - commenta l'assessore alla Cultura Simona Rossotti - conferma il valore del nostro patrimonio e sollecita la nostra attenzione alle diverse possibilità che si possono creare per valorizzarlo. Il nostro obiettivo è proprio questo: riscoprire, conoscere e promuovere quanto già abbiamo in un percorso di progressivo rilancio della nostra città».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Dicembre 1842, a Fraciscio di Campodolcino (Como),  nasce don Luigi Guanella (morirà a Como il  24 ottobre 1915), riconosciuto santo dalla Chiesa cattolica.  A lui si deve la fondazione delle congregazioni cattoliche dei Servi della Carità e delle Figlie di Santa Maria della Divina Provvidenza.

Social

newFB newTwitter