Como, 08 aprile 2021   |  

Il mercato del lavoro nell’area lariana nel 2020

L’emergenza Covid-19 interrompe la crescita degli occupati nel contesto lariano (-1,5% a fine 2020). I dati sono migliori a Lecco rispetto a Como

tie 690084 640

Nel 2020 peggiorano i dati relativi al mercato del lavoro lariano: la pandemia da Covid-19 ha comportato un calo degli occupati di oltre 6.000 unità (-1,5%, a fronte del -1,7% della Lombardia e del -2% dell’Italia) e ha generato un “effetto scoraggiamento”: i disoccupati in cerca di lavoro diminuiscono di circa 4.000 persone (-14,2%, contro il -12,7% regionale e il -10,5% nazionale). Pertanto le forze lavoro sono circa 10.000 in meno (-2,2%, contro il -2,3% lombardo e il -2,8% italiano).

L’OCCUPAZIONE. Secondo i dati recentemente diffusi dall’Istat (e relativi all’indagine sulle forze lavoro), il calo degli occupati residenti nell’area lariana si nota sia a Como (-1,9%) che a Lecco (-0,7%). In entrambi i territori sono gli uomini a registrare le diminuzioni più marcate: rispettivamente -2,5% e -1% (pari a -3.900 e -900 lavoratori). Per le donne il calo lariano si attesta a -0,8% (-1.400 unità); in particolare, Como -1,1% (-1.300 lavoratrici) e Lecco -0,2% a Lecco (-100).

Con riferimento alle altre province lombarde, solo Lodi evidenzia una crescita del numero degli occupati rispetto al 2019 (+1%, pari a quasi 1.000 lavoratori in più). In valori assoluti, i cali più consistenti hanno riguardato Milano, Brescia e Varese, rispettivamente con -20, -11,6 e -9,5 mila persone (-1,3%, -2,1% e -2,5%) (cfr. tab 1 dell’allegato statistico).

Analizzando i dati lariani per settore economico, gli occupati sono in aumento solo nel comparto dei servizi (+570 unità: +0,2%), mentre diminuiscono quelli dell’industria e dell’agricoltura (rispettivamente -6.350 e -350 occupati: -3,9% e -11,1%). Il settore primario evidenzia un +13,4% in Lombardia e un +0,4% in Italia; il secondario un -1,5% in Lombardia e resta stabile in Italia; il terziario un -2,2% in Lombardia e un -2,8% in Italia. La crescita dei servizi ha riguardato solo Como (+0,4%, contro il -0,1% registrato a Lecco: 2 rispettivamente +620 e -50 unità), mentre il calo dell’industria è stato superiore a Como (-5,7% contro -1,1%: -5.640 e -710 occupati) e la diminuzione dell’agricoltura a Lecco (-12,4%, contro il -9,2% comasco, pari a -230 e -120 lavoratori) (cfr. tab 3 dell’allegato statistico).

allegato pdf

download pdf Indagine lavoro

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Aprile 1948 elezioni del Parlamento repubblicano: maggioranza assoluta alla DC (48,7%).

Social

newFB newTwitter