Como , 20 aprile 2017   |  

Incendi già 149 dall'inizio anno

Stanziati 15 mln in tre anni per prevenzione e risorse a enti locali

f1

L'assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, ha presentato i dati 2017 sugli incendi in Lombardia.

"Da inizio anno sul territorio regionale, ha spiegato Bordonali,  si sono verificati 149 incendi, compresi quelli degli ultimi giorni a Zogno (Bg), Val Rezzo (Co) e Montagna in Valtellina (So) per una superficie complessiva percorsa dal fuoco di 2.358 ettari. Sono stati impegnati nelle fasi di spegnimento 1.853 volontari dell'antincendio boschivo di protezione civile e 734 vigili del fuoco. Gli elicotteri regionali hanno effettuato 134 missioni aeree mentre i mezzi aerei dello Stato 42. Nel triennio 2014/2016 la Regione Lombardia ha investito per le attività di prevenzione e lotta agli incendi boschivi 11 milioni e 500 mila euro ai quali vanno aggiunti 3,6 milioni destinati a Comunità Montane, Province ed Enti gestori di parchi per sostenere oneri riguardanti equipaggiamento, addestramento, assicurazione e rimborso delle spese delle squadre di volontariato".


Il persistere del vento forte a raffiche ha peggiorato ulteriormente la situazione negli ultimi giorni e anche oggi la Sala operativa della Protezione civile regionale ha confermato la criticita' arancione per la giornata di domani, giovedì 20 Aprile, per rischio incendi boschivi sulle zone: F1 (Valchiavenna, Sondrio), F2 (Alpi centrali, Sondrio), F4 (Verbano, Varese) F5 (Lario, Unione delle Comunità Montane: Alto Lario Occidentale, Alpi Lepontine, Lario Intelvese, Triangolo Lariano, Lario Orientale, Valle di San Martino, Valsassina, Valvarrone, Val d'Esino Riviera), F6 (Brembo, Bergamo), F7 (Alto Serio - Scalve, Bergamo), F15 (Oltrepo' pavese) ed in estensione a F9 (Valcamonica, Brescia) con estensione alla zona F3 (Alta Valtellina).


Dallo scorso 1 gennaio al 18 aprile, in Lombardia, come detto, si sono verificati 149 incendi per una superficie complessiva percorsa dal fuoco di 2.358 ettari, di cui 1.064 di superficie boscata e 1.294 di superficie non boscata (pascolo). La superficie media percorsa dal fuoco per ogni incendio e' stata di 16 ettari circa.
Di seguito la situazione nelle province lombarde.


Bergamo: 20 incendi, 71 ettari di superficie boscata, 38 ettari di superficie non boscata, 109 ettari totali, 263 volontari antincendio boschivo, 41 vigili del fuoco, 17 missioni elicotteri regionali e 2 missioni canadair dello Stato.
Brescia: 37 incendi, 562 ettari di superficie boscata, 368 ettari di superficie non boscata, 929 ettari totali, 602 volontari antincendio boschivo, 167 vigili del fuoco, 30 missioni elicotteri regionali e 16 missioni canadair dello Stato.
Como: 45 incendi, 253 ettari di superficie boscata, 513 ettari di superficie non boscata, 766 ettari totali, 397 volontari antincendio boschivo, 203 vigili del fuoco, 43 missioni elicotteri regionali e 12 missioni canadair dello Stato.
Lecco: 9 incendi, 16 ettari di superficie boscata, 301 ettari di superficie non boscata, 317 ettari totali, 126 volontari antincendio boschivo, 42 vigili del fuoco, 6 missioni elicotteri regionali e 4 missioni canadair dello Stato.
Monza e Brianza: 3 incendi, 7 ettari di superficie boscata, 2 ettari di superficie non boscata, 9 ettari totali, 33 volontari antincendio boschivo, 26 vigili del fuoco, 2 missioni elicotteri regionali.
Milano: 2 incendi, 10 ettari di superficie boscata, 1 ettari di superficie non boscata, 11 ettari totali, 15 volontari antincendio boschivo, 19 vigili del fuoco, 1 missioni elicotteri regionali.
Pavia: 10 incendi, 6 ettari di superficie boscata, 11 ettari di superficie non boscata, 17 ettari totali, 71 volontari antincendio boschivo, 81 vigili del fuoco, 1 missioni elicotteri regionali.
Varese: 8 incendi, 2 ettari di superficie boscata, 5 ettari di superficie non boscata, 7 ettari totali, 79 volontari antincendio boschivo, 34 vigili del fuoco, 2 missioni elicotteri regionali e 2 missioni canadair dello Stato.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newFB newTwitter