12 ottobre 2016   |  

Incontro Maroni- presidente Ticino: ecco cosa è emerso

"Non ci saranno conseguenze dal referendum: è interesse di tutti mantenere buone relazioni".

dogana_ticino_lavoro.jpg

"Con il presidente Beltraminelli abbiamo parlato delle questioni piu' importanti tra Lombardia e Cantone Ticino, con la premessa condivisa che e' interesse di entrambi mantenere e rafforzare le nostre buone relazioni, nell'ambito di un rapporto di forte e leale collaborazione, che consistera' anche in uno scambio continuo di informazioni". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, questo pomeriggio, a Bellinzona, in Cantone Ticino, al termine dell'incontro con il presidente del Consiglio di Stato del Canton Ticino Paolo Beltraminelli, per discutere delle conseguenze derivanti dall'iniziativa popolare costituzionale 'Prima i nostri'. Presente all'incontro anche l'assessore regionale con delega ai rapporti con la Confederazione Elvetica Francesca Brianza.


"Circa il referendum - ha proseguito Maroni - mi sento rassicurato dal fatto che non vi saranno conseguenze, azioni immediate, ne' discriminatorie nei confronti dei lavoratori lombardi. Ci sono iniziative che il Cantone assumera' per dare attuazione all'esito del referendum, e questo e' giusto, perche' il popolo e' sovrano, che noi vogliamo seguire con attenzione. Vogliamo infatti capire cosa noi, per parte nostra, dobbiamo fare. E' interesse comune evitare iniziative che penalizzino gli uni o gli altri, vogliamo collaborare, nell'interesse dei nostri cittadini e delle nostre Regioni".


"Ho informato il presidente che, per parte nostra, ci siamo già attivati con la proposta di legge inviata al Parlamento, già a febbraio 2014, per l'istituzione della Zona economica speciale-Zes - ha aggiunto il presidente -: si tratta di una norma che consente alle imprese che sono entro 20 chilometri dal confine, di avere vantaggi fiscali. E' una legge che deve approvare il Parlamento e che puo' essere importante anche per il Ticino, perche' puo' cambiare un po' la dinamica dei rapporti".


"Ho scritto a tutti parlamentari lombardi affinche' chiedano al Parlamento di mettere in discussione la legge. Questo dimostra anche come la Lombardia si sia mossa subito dopo il referendum svizzero del 9 febbraio 2014 a livello federale - ha sottolineato Maroni -: abbiamo fatto incontri subito e, da allora, mi pare pero' che anche quel referendum non abbia avuto finora attuazione. Sappiamo che c'e' tempo tre anni, stiamo seguendo la situazione".


"Tutti i progetti in essere proseguono assolutamente - ha chiarito Maroni, rispondendo alle domande dei giornalisti-: non vi e' alcuna misura ritorsiva da parte della Lombardia nei confronti del Ticino, ci mancherebbe. C'e' viceversa la volonta' di sviluppare azioni comuni. E' evidente che il Ticino fa gli interessi del Ticino e noi quelli della Lombardia, la cosa importante e' che non siano in contrasto, valuteremo anzi se possono coincidere".


"Ci sono tanti dossier su cui stiamo lavorando, di cui si sta occupando l'assessore Brianza, che ha la delega ai rapporti col Cantone Ticino - ha concluso il governatore -, il 16 novembre saro' di nuovo qui per visitare la galleria del Gottardo, i nostri rapporti proseguono sotto tutti i punti di vista".

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Giugno 1910 è fondata a Milano la Anonima lombarda fabbrica automobili, ovvero l'Alfa Romeo.

Social

newFB newTwitter