Como, 01 agosto 2020   |  

La Libia respinge cittadini (militari) italiani

Le autorità di Misurata hanno addotto come giustificazione la mancanza del visto sul passaporto. Siamo in una situazione kafkiana

Passaporto militari

Immagine di repertorio

"Imolaoggi.it", giornale online molto documentato da notizia che «un aereo militare italiano, un Hercules C 130 proveniente da Pisa con 40 militari a bordo, chiamati a svolgere operazioni di supporto in loco è atterrato a Misurata alle 17.30. Ad alcuni militari del Celio e della Brigata Julia è stata però negata l’autorizzazione allo sbarco da parte delle autorità libiche, perchè mancava sul loro passaporto il visto d’ingresso.»

Se quanto riportato dal giornale fosse vero, come riteniamo sia, i ministri competenti della Difesa e degli Esteri, dovrebbero dare notizia di quanto accaduto in Parlamento. 

Si tratta di un fatto di enorme gravità visto che quotidianamente il nostro Paese accoglie cittadini di tutto il mondo provenienti dalla Libia. Fino a quando il nostro Paese dovrà accettare angherie da Paesi che dovrebbero soltanto ringraziare perciò che il popolo italiano fa in loro favore?

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

8 Agosto 1956 in Belgio, nella piccola città mineraria di Marcinelle, scoppia un incendio nella miniera di carbone. Moriranno 262 lavoratori di 12 nazionalità diverse, la maggior parte (136 sono italiani)

Social

newFB newTwitter