Milano , 10 luglio 2019   |  

La logistica traina l’economia lombarda

È il titolo del convegno che si terrà giovedì 11 Luglio, nella sala Belvedere Enzo Jannacci, al 31° piano di Palazzo Pirelli, in via F. Filzi 22. Tra gli altri, interverranno il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, il prefetto di Milano Renato Saccone e il presidente di Assologistica Andrea Gentile

Savethedate Logistica 11luglio2019

Con un incremento dell’occupazione quattro volte superiore alla media regionale (+ 1,2% contro lo 0,3% del mercato del lavoro nel suo insieme nel 2018), la logistica si afferma come un settore decisivo per la Lombardia.

Nell’ultimo triennio, ha anche visto un aumento, rispetto alla media lombarda, degli occupati over 55. In crescita anche il numero dei laureati, passati da 12mila a 20mila unità. Sono alcuni dei dati emersi dalla ricerca “L’impatto occupazionale della logistica in Lombardia”. Realizzata da PoliS-Lombardia, verrà presentata nel convegno “La logistica traina l’economia lombarda”, giovedì 11 Luglio a partire dalle ore 9.30, nella sala Belvedere Enzo Jannacci, al 31° piano di Palazzo Pirelli, in via F. Filzi 22.

Il convegno – organizzato da PoliS-Lombardia in collaborazione con Assologistica – vedrà gli interventi di: Attilio Fontana (presidente di Regione Lombardia), Melania De Nichilo Rizzoli (assessore regionale all’Istruzione, alla formazione e al lavoro), Alessandro Mattinzoli (assessore regionale allo Sviluppo economico), Renato Saccone (prefetto di Milano), Andrea Gentile (presidente di Assologistica), Fulvio Matone (direttore generale di PoliS-Lombardia), Giampaolo Montaletti (dirigente UO Occupazione, supporto alle politiche e sistemi informativi di PoliS-Lombardia), Jean-François Daher (segretario generale di Assologistica), Michele De Rose (segretario nazionale di Filt-Cgil) e Alessandro Canese (consigliere di Alsea).

download pdf Programma

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

14 Novembre 2002 l'Argentina va in default su un pagamento di 805 milioni di dollari statunitensi alla Banca mondiale.

Social

newFB newTwitter