Costa Masnaga, 30 giugno 2017   |  

L'ex miniera abbandonata come vasca anti alluvioni per il Lambro

Assessore Beccalossi: l'accordo segna un'efficace collaborazione tra pubblico e privato.

Mail05Tx0033339

"Grazie a un investimento di 6,7 milioni di euro, parte l'iter per realizzare un'opera importantissima per difendere i centri abitati della valle del Lambro. Con una modalita' inedita che ci consente tra l'altro di risparmiare risorse, in quanto per stoccare le acque del torrente Bevera, affluente del Lambro, in caso di piena, si riempiranno gli spazi di un'ex miniera abbandonata". Lo dichiara l'assessore al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta' metropolitana Viviana Beccalossi, che oggi a Costa Masnaga (Lecco) ha firmato l'accordo per la realizzazione di una vasca di laminazione per le piene del torrente Bevera. All'incontro era presente anche il vicepresidente e assessore alla Casa, Housing sociale, Expo e Internazionalizzazione delle imprese di Regione Lombardia Fabrizio Sala.

LA VASCA - "La vasca - prosegue Viviana Beccalossi - potra' raccogliere fino a 1,4 milioni di metri cubi d'acqua del Bevera, consentendo quindi, in caso di portate eccezionali, di alleggerire quella del Lambro e tutelare tutti i Comuni del bacino, fino ad arrivare a Monza".

Mail05Tx00ddd40ACCORDO - L'accordo e' stato sottoscritto tra Regione Lombardia - delegato del Commissariato governativo per il dissesto idrogeologico, Comune di Costa Masnaga, Parco Valle del Lambro e Holcim Italia, proprietaria dell'ex miniera e prevede il passaggio di proprieta' delle aree, la realizzazione delle opere della vasca e di quelle di compensazione ambientale a favore del territorio, in particolare per il Comune di Costa Masnaga e il Parco Valle Lambro. L'opera consente di completare un articolato progetto per la messa in sicurezza del fiume Lambro che comprende l'adeguamento del Cavo Diotti per la regolazione del Lago di Pusiano e la vasca di laminazione di Inverigo, Nibionno e Veduggio.

AVVIO CANTIERI - "Da oggi- continua l'assessore Beccalossi - si procedera' spediti verso la realizzazione. Disponendo gia' della progettazione definitiva e conclusa la Conferenza di Servizi con tutte le autorizzazioni acquisite, possiamo contare sul completamento della progettazione esecutiva entro l'estate e l'avvio delle procedure di bando in autunno, con l'obiettivo di avviare i cantieri a inizio 2018".

COLLABORAZIONE PUBBLICO-PRIVATO - "L'accordo - conclude Viviana Beccalossi - segna un'efficace collaborazione tra pubblico e privato e ci consentira' di realizzare un'opera complessa che, potendo utilizzare il bacino della miniera, sara' molto meno costosa rispetto alle tradizionali vasche di laminazione che prevedono scavi ad hoc ma, soprattutto, mettera' fine a danni anche potenzialmente catastrofici dovuti alle piene del Lambro". (Lnews)

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Gennaio 1601 il Trattato di Lione segna l'annessione del marchesato di Saluzzo ai dominii sabaudi

Social

newFB newTwitter