Como , 05 marzo 2019   |  

Lombardia approvati criteri per accedere fondi vittime del terrorismo

La Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, ha approvato i criteri per l'assegnazione di aiuti alle vittime del terrorismo e, in caso di decesso, ai loro famigliari.

Riccardo De Corato daticamera 2008

La delibera, che prevede uno stanziamento di 60.000 euro, definisce gli importi massimi, le tipologie di danno e di spesa ammissibili e stabilisce le condizioni per la sospensione degli obblighi tributari.

In particolare sono previsti l'erogazione di contributi per le spese di viaggio e per il trasporto sanitario, il pagamento delle rate del mutuo della prima casa o la locazione dell'abitazione principale. Ed ancora l'assistenza sanitaria, psicologica o psichiatrica in strutture sanitarie pubbliche o accreditate, le spese scolastiche e universitarie e le spese  funerarie così come il ripristino dell'immobile all'interno del quale è svolta l'attività, comprensivo di macchinari, attrezzature e veicoli.

Le misure di sostegno sono riconosciute per gli eventi di terrorismo, verificatisi a decorrere dal 2017, e sono concesse a cittadini, imprenditori, commercianti, artigiani, liberi professionisti vittime di un evento terroristico, e in caso di decesso, ai loro famigliari a condizione che siano residenti il Lombardia o abbiano sede legale o operativa nel territorio regionale.

«Si tratta di una misura - ha detto De Corato - che dimostra, ancora una volta, la vicinanza concreta della Regione ai suoi cittadini. Questa delibera si aggiunge ad un altro atto importante, con il quale abbiamo già destinato delle somme a sostegno delle vittime del dovere e dei loro familiari. Ovviamente speriamo di non dover mai far ricorso a questi fondi».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Maggio 1937 comincia la costruzione a Roma dell'Eur 42, per celebrare nel 1942 il ventennale della marcia su Roma

Social

newFB newTwitter