Lugano , 20 maggio 2020   |  

"Lugano network" un modo nuovo per trovare lavoro

di cristiano comelli

I numeri forniti dal 2019 scintillano di eloquenza. E della consapevolezza che una scommessa cominciata dieci anni fa è stata ampiamente vinta.

time 371226 640

"Lugano network" , servizio comunale che fu pensato per fornire ai cittadini un orientamento formativo e professionale in vista del loro approdo in una realtà aziendale, ha mandato in archivio nell'anno alle spalle qualcosa come 622 colloqui orientativi, 422 nuovi utenti, 295 aziende contattate, 38 visitate, 272 ricerche di lavoro, 318 trasmissioni di curriculum, 185 colloqui di selezione, 87 stage di orientamento.

E non è tutto. Al computo occorre ascrivere anche 87 stage di orientamento, 69 collocamenti di candidati, 38 posizioni lavorative, 21 stage curriculari e 10 apprendistati. Insomma, l'organizzazione coordinata da Sabrina Antorini Massa con l'ausilio delle consulenti Monica Aliprandi e Sabrina Caspani ha decisamente di che essere soddisfatta.

Lugano può contare su una struttura che è, ieri come oggi, in grado di fungere da efficace stella polare per chi si deve immergere nel mondo del lavoro e cerca un "linguaggio" adeguato per farlo. "Il rapporto d'attività 2019- spiega il comune in una nota- risulta essere molto soddisfacente, dallo scorso anno, alle attività di consulenza , orientamento e preselezione dei candidati, Lugano network ha affiancato momenti formativi offerti sia nelle scuole, sia ai candidati seguiti dalle consulenti come a esempio i Job Club per imparare a impostare la ricerca di lavoro su smartphone, per redigere un curriculum vitae efficace e per prepararsi a un colloquio di selezione". Competenze di base che, specie a chi assaggi per la prima volta l'universo occupazionale, non possono mancare.

Al novero delle attività si aggiungono anche "momenti informativi per sostenere l'autoimprenditorialità, introducendo le persone interessate alle varie fasi di realizzazione imprenditoriale, dall'idea o dal progetto alla gestione aziendale". Il servizio ha naturalmente dovuto fare i conti con l'emergenza posta dal Covid-19 ma ha saputo reggere l'urto e procedere a testa alta e con iniziative chiare: "Luganonetwork- spiega ancora il comune - ha dimostrato di possedere la giusta flessibilità per garantire la consulenza e il prosieguo dei colloqui nelle forme rispettose della prevenzione sanitaria".

Lorenzo Quadri, capo del Dicastero della formazione del comune, ha dal canto suo ricordato che "il sostegno all'occupazione è l'obiettivo costante della politica del municipio , confrontato attualmente con le nuove sfide imposte dal Covid-19 al mercato del lavoro locale, interessata essa stessa da una riorganizzazione aziendale dovuta all'emergenza sanitaria, la città ha modo di promuovere una politica economicamente e socialmente responsabile".

Un presente con le spalle larghe che prepara a un futuro di sfide nuove, sfide accolte da Lugano network a braccia aperte. E con la forza di ben 4500 curricula che giacciono nella sua banca dati e 500 aziende contattate

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Maggio 1883 Il ponte di Brooklyn viene aperto al traffico dopo 14 anni di costruzione

Social

newFB newTwitter