Como, 23 dicembre 2017   |  

Match-it, un progetto per sviluppare il territorio

Oltre tre milioni di euro per realizzare il nuovo modello Interreg per lo sviluppo territoriale

territorio 008

nterventi sulle strutture di accoglienza, adeguamenti funzionali del Polo fieristico provinciale, potenziamento della rete ciclopedonale e della sentieristica, delle vie storiche e degli itinerari culturali e naturalistici, corsi di formazione per gli operatori e di educazione ambientale per i cittadini, progettazione e attivazione di un sistema di fruizione multimediale.

Il progetto Interreg ‘Match-It’, oltre tre milioni di euro di dotazione finanziaria, punta a realizzare un nuovo modello di sviluppo del territorio, partendo dalla risorse e dalle peculiarità già presenti, per rilanciare il turismo quale traino per gli altri settori economici. Sono obiettivi condivisi da una parte all’altra del confine: le province di Sondrio, Lecco e Como in Italia, il canton Ticino in Svizzera. Territori che hanno in comune la volontà di integrarsi per sviluppare sinergie e promuovere il territorio attraverso la creazione di un vero e proprio network.

Lavorare insieme, più e meglio di quanto non si sia fatto finora, per valorizzare e promuovere il territorio puntando su una strategia nuova, trasversale e tecnologica. A lanciarlo, nelle vesti di capofila, la Comunità Montana di Morbegno per l’Italia, la società Start Lab per la Svizzera.

Il sistema turistico che verrà creato sarà fondato sulle solide basi di infrastrutture e strutture, nuove o da adeguare, a cominciare dal Polo fieristico provinciale di Morbegno, grazie a un progetto specifico elaborato sulle sue potenzialità. Come ideale centro dal quale si diramano le vie della cultura, dei terrazzamenti, della storia e della religione; come sede di eventi che coinvolgeranno gli operatori, grazie alla presenza di Start Lab, società ticinese leader nel settore fieristico che ha riportato la campionaria a Morbegno con la Fiera di Autunno.

Il miglioramento dell’accoglienza passa anche dall’adeguamento di strutture nelle valli laterali, mentre gli interventi sulla sentieristica e sulla mobilità dolce consentiranno ai territori di entrare nei circuiti del cosiddetto turismo slow. Tra gli interventi previsti figurano l’allestimento di spazi al servizio del visitatore presso il Polo fieristico provinciale di Morbegno, palazzo Gallio a Gravedona, la stazione ferroviaria di Colico e la valorizzazione degli Info point di Albaredo e Gerola Alta attraverso l’attivazione di servizi per i cicloturismo quali officine, punti di ricarica per e-bike e monitor interattivi. Un altro pilastro di ‘Match-it’ è rappresentato dalla formazione, che coinvolgerà sia gli operatori sia la popolazione, che sarà seguita direttamente dai partner.

Sono previsti corsi di formazione per operatori su ricettività, accoglienza, ristorazione e tipicità enogastronomiche e per guide accompagnatori, tenuti da Coldiretti, Ersaf, Fondazione Fojanini, Università Cattolica, Camera di Commercio e Riserva del Pian di Spagna, e programmi di educazione ambientale. Infine, la progettazione prima e l’attivazione poi di un sistema di promozione per una fruizione interattiva e multifunzionale del territorio transfrontaliero per cittadini e turisti allargata agli anziani e alle persone con disabilità.

Oltre al capofila, tra i partecipanti italiani figurano la Provincia di Sondrio, le Comunità Montane della Valchiavenna e delle Valli del Lario e del Ceresio, la Camera di Commercio di Sondrio, l’Università Cattolica di Milano, il Parco delle Orobie Valtellinesi, la Riserva del Pian di Spagna, la Fondazione Fojanini, Ersaf e Coldiretti.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Gennaio 1916 il conte Mario di Carpegna, guardia nobile del Papa, fonda l'Associazione scautistica cattolica italiana - Esploratori d'Italia (Asci), che successivamente, fondendosi con l'Associazione guide d'Italia, si trasformerà in Associazione guide e scouts cattolici italiani (Agesci)

Social

newFB newTwitter