Como, 17 dicembre 2018   |  
Politica   |  Lombardia

Transfrontalieri: Lombardia e Ticino più vicini

Procede la “Roadmap” tra le Istituzioni di entrambi i territori. Un nuovo accordo siglato dagli assessori Terzi e Sertori

IMG 20181217 125738077

al centro Massimo Sertori e destra Claudia Terzi

Presenti gli assessori di Regione Lombardia Claudia Terzi (Infrastrutture) e Massimo Sertori (Enti locali e montagna), il presidente di Repubblica e Canton Ticino, Claudio Zali e il vice segretario del Consiglio Federale del Canton Ticino Cristian Vitta si è proceduto questa mattina, lunedì 17 Dicembre, nella sede di Regione Lombardia a Milano alla firma dell'accordo di collaborazione tra le due importanti istituzioni.

Nella dichiarazione congiunta tra Regione Lombardia e Repubblica e Cantone Ticino si legge tra l'altro che i due enti esprimono l'intenzione di far compiere un salto di qualità ai buoni rapporti di vicinato già attivi e rinnovano la comune convinzione che la collaborazione costante e sistematica tra le rispettive istituzioni sia determinante per dare ulteriore impulso alle comuni zone di frontiera.

In pratica nel corso della mattinata i rappresentanti di entrambe le istituzioni hanno confermato la ferma volontà di procedere nella “Roadmap” sulle materie transfrontaliere di interesse di Lombardia e Ticino.

Nei dodici punti in cui è articolata la “Roadmap” all'unisono tutti gli intervenuti hanno sottolineato come prioritari: “mercato del lavoro: scambio di informazioni tra autorità e sicurezza sociale”, “accordo fiscale sull'imposizione dei lavoratori transfrontalieri”, accordo di partenariato tra le rispettive Protezioni Civili, “prestazioni ferroviarie”, “posteggi Park&Ride presso le fermate ferroviarie in Lombardia”.

Gli accordi di collaborazione stipulati oggi si riflettono sulla vita di 65 mila frontalieri in gran parte lombardi che quotidianamente varcano il confine per recarsi nei luoghi di lavoro.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

16 Febbraio 2005 in Italia entra in vigore il trattato di Kyoto, con l'obiettivo di ridurre, entro il 2010, l'emissione di anidride carbonica del 6,5% rispetto al 1990.

Social

newFB newTwitter