Como, 07 dicembre 2017   |  

Mattinata nerissima in Borsa per Creval (sospeso a -10,4%)

Il titolo non si stabilizza, scende a 1,17 euro e chiude a 1,28

saleoperative

Nessuna stabilizzazione di prezzo sopra 1,4 euro. In un giovedì semifestivo  il Credito Valtellinese paga la decisione della società di rating Fitch di abbassare il giudizio sul debito di lungo termine dell'istituto. Le azioni sono rimaste ferme in asta di volatilità ma l'ultimo prezzo segnato è in flessione del 10,4% rispetto alla chiusura di ieri.

Le contrattazioni sono state sospese dopo le 10 al prezzo di 1,17 euro poi il recupero a 1,28 (-6,58%) .  La decisione, spiega Fitch, è la conseguenza del piano industriale di Creval che richiederà una ricapitalizzazione da 700 milioni necessaria ad accelerare la pulizia di bilancio attraverso la vendita di 1,2 miliardi di prestiti problematici.

L'agenzia di rating segnala di aver messo i rating sotto osservazione per possibili evoluzioni e di prevedere un upgrade (rialzo del voto) nel caso in cui le operazioni previste fossero completate ma non nasconde che l'aumento di capitale abbia elevati rischi di esecuzione: il fatto che la capitalizzazione di Borsa dell'istituto si sia più che dimezzata nella settimana successiva all'annuncio del piano, secondo Fitch, potrebbe essere letto come un segnale che l'accesso al capitale da parte di Creval sarà particolarmente incerto.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newFB newTwitter