Milano , 18 maggio 2018   |  

Milano arrestati tre Carabinieri

L'accusa è di peculato, droga e calunnia, un quarto Carabiniere è stato fermato perchè in possesso di confezioni nandrolone e farmaci vari

IMG 20180518 WA0014

Il Colonnello Luca De Marchis, oggi pomeriggio venerdì 18 Maggio, ha incontrato i giornalisti nella sala stampa di via Moscova del Comando Provinciale di Carabinieri di Milano, in merito ai fatti che ha visto coinvolti tre militari dell'Arma dei Carabinieri.

Stamane venerdì 18 Maggio, a Cassano d’Adda (Mi) e Bergamo, i carabinieri del Nucleo Investigativo di Monza hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Milano su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di tre militari dell’Arma (uno dei quali già sospeso dall’impiego e attualmente sottoposto agli arresti domiciliari), ritenuti responsabili, a vario titolo e in concorso, in qualità di pubblici ufficiali, di peculato, detenzione illecita di sostanza stupefacente, calunnia, arresto illegale e falsità ideologica commessa dal Pubblico Ufficiale in atti pubblici.

L’indagine, affidata dall’Autorità Giudiziaria ai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Monza scaturisce dagli sviluppi di una pregressa attività investigativa che, il 6 Aprile 2017, aveva già portato all’arresto di un sottufficiale dell’Arma (destinatario del provvedimento restrittivo eseguito in data odierna), all’epoca dei fatti Comandante dell’Aliquota Radiomobile del NORM di Cassano d’Adda, ritenuto responsabile di spaccio di stupefacenti, peculato, corruzione, rivelazione ed utilizzazione di segreto d’ufficio, nonché falso in atto pubblico

L'attività investigativa è incentrata sulle dichiarazioni accusatorie rese da un pregiudicato marocchino, 44enne, tratto in arresto per detenzione illecita di sostanze stupefacenti nel giugno 2016, in Pessano con Bornago (Mi).

Ai Carabinieri viene contestato, di essersi impossessati di somme di denaro, tra Aprile 2016 e Agosto 2017, in occasione di 4 attività di perquisizione domiciliare a pregiudicati locali e, solo in un caso, di aver detenuto stupefacenti (10 grammi) attribuendone il possesso ad un arrestato, attestando il falso nei relativi verbali di arresto.

Il provvedimento è stato eseguito nei confronti dei militari liberi presso la Compagnia di Cassano d’Adda, loro attuale sede di servizio. In mattinata, a Rozzano (Mi), i carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Milano hanno tratto in arresto ai sensi dell’art. 73 D.P.R. 309/90 un altro militare dell’Arma, 45enne, in servizio presso il Reparto Servizi Magistratura di Milano, poiché trovato in possesso presso la propria abitazione di numerose confezioni di nandrolone (40 ml.), farmaci e ricette varie.

 

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

14 Agosto 1941 Massimiliano Kolbe muore nel bunker della fame ad Auschwitz dopo essersi offerto volontario al posto di un altro prigioniero.

Social

newFB newTwitter