Milano, 11 luglio 2019   |  

Milano una città rassegnata al degrado

Bivacchi nel sottopasso di via Tonale; uomo dorme a terra ostruendo fermata autobus in viale Molise; donna dorme mezza svestita in Porta Nuova. Fotografie scattate dai milanesi ed inviate all'assessore Sicurezza e Immigrazione di Regione Lombardia Riccardo De Corato

Milano degrado

Milano una città che riceve riconoscimenti internazionali, ma chi la vive quotidianamente  continua ad inviare fotografie via internet all'assessore di Regione Lombardia Riccardo De Corato, che rappresentano il quadro di una metropoli ormai abbandonata al degrado.

L'assessore De Corato dichiara «Fino a qualche anno fa queste scene venivano descritte da turisti che tornavano da Paesi in via di sviluppo. Ora fanno parte del nostro risveglio o del nostro ritorno a casa».

In questi giorni, l'assessore continua «tra ieri ed oggi ho ricevuto diverse foto. Questa mattina nella centralissima Porta Nuova una donna dormiva mezza svestita in una aiuola. Poco distante una coppia consumava, come fa tutti i giorni, il suo pic nic prima di addormentarsi. Qualche sera fa in viale Molise un uomo, fotografato dal passeggero di un autobus, dormiva ostruendo la fermata. Dalle 18,30, invece, nel sottopasso di via Tonale tutte le sere si prepara il bivacco per la notte. Una tristezza, dover vedere queste immagini, figlie probabilmente anche della crisi, che sottolineano l’assuefazione e la rassegnazione dei milanesi al degrado. Non si chiamano nemmeno più le forze dell’ordine o la Polizia Locale, si preferisce scattare una foto, forse perché consci del fatto che nulla cambierà».

«Una città dominata oltre che dal degrado anche dalle rapine, mercoledì 10 Luglio, nella centralissima Vittorio Veneto un uomo è stato, rapinato del suo Rolex e del suo Iphone». Conclude Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano e Assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

14 Ottobre 1980 per le vie di Torino si compie la Marcia dei quarantamila. Si tratta di quadri, impiegati della Fiat, ma anche di operai e comuni cittadini che, inaspettatamente ed in contrapposizione ai sindacati, manifestano per il ritorno alla normalità della città, scossa dalle proteste per la messa in Cassa integrazione guadagni di ben 24.669 operai. Dal punto di vista sociale essa rappresenta l'emergere della cosiddetta Maggioranza silenziosa.

Social

newFB newTwitter