Monza, 11 febbraio 2020   |  

Monza-Brianza maxi operazione dei Carabinieri

Stamane, martedì 11 Febbraio, undici arresti dei Carabinieri nei territori di dei comuni di Biassono, Macherio, Triuggio, Sovico e Albiate

Carabinieri auto 112 generica

Nell’area nord di Monza, e più specificatamente nel territorio dei comuni di Biassono, Macherio, Triuggio, Sovico e Albiate, dalle prime ore del mattino i Carabinieri della Compagnia di Monza hanno condotto un’operazione - coordinata dalla locale Procura della Repubblica - finalizzata a contrastare una fitta rete di spaccio al dettaglio di sostanze stupefacenti. Sono stati eseguiti 11 provvedimenti cautelari - emessi dal G.I.P. del Tribunale di Monza - nei confronti di altrettanti soggetti di nazionalità italiana.

L’attività investigativa, che ha avuto inizio sul finire del 2018 proprio per fronteggiare l’odioso fenomeno dello spaccio nella Brianza, è stata condotta prevalentemente attraverso strumenti investigativi tradizionali (servizi di osservazione e pedinamento, individuazioni fotografiche supportate da attività di intercettazione). Attraverso un’accurata analisi dei loro movimenti, sono state verificate le abitudini comuni, individuate le fonti di approvvigionamento e i contatti, accertando come gli interessati, tutti residenti in Brianza e in parte già pregiudicati per reati specifici, fossero responsabili dell’immissione di stupefacenti nel nord della Brianza.

L’attività, sviluppata dopo l’arresto in flagranza di reato per possesso di sostanza stupefacente di un soggetto controllato durante un normale servizio di controllo del territorio, ha permesso di raccogliere importanti indizi di reità e di individuare il canale di approvvigionamento, gestito da due fratelli, uno dei quali già destinatario di analogo provvedimento in passato.

Nel corso dell’indagine sono stati tratti in arresto in flagranza 3 soggetti e sequestrati, tra l’altro, circa 250 grammi di cocaina e 20 grammi di MDMA.  Ogni sodale aveva compiti ben delineati e operava sotto lo stretto controllo dei due fratelli, controllando, spesso anche con metodi violenti, intere aree di spaccio.
Durante la notifica dei provvedimenti sono state effettuate numerose perquisizioni domiciliari.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Settembre 1973 muore a Roma, dove era nata nel 1908, Anna Magnani,  prima interprete italiana nella storia degli Academy Awards a vincere il Premio Oscar (per il film La rosa tatuata) come migliore attrice.

Social

newFB newTwitter