Como , 10 luglio 2019   |  

Nuovi treni più efficienti e a basso impatto ambientale

diminuzione del 30% dei consumi di energia elettrica e potranno anche recuperare energia durante le operazioni di frenatura.

1536+x1024+mockup+treno+caravaggio

L'assessore regionale alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Marzia Terzi, ha partecipato alla presentazione del bilancio di sostenibilità 2018 del Gruppo FNM. E' il documento che rendiconta le iniziative e i risultati raggiunti in ambito economico, sociale e ambientale. Nell'occasione l'assessore ha ricordato gli investimenti della Regione per rinnovare la flotta dei treni. 

«I nuovi convogli che inizieranno ad arrivare da qui a pochi mesi - ha spiegato Terzi - oltre a essere efficienti, rappresenteranno un'innovazione dal punto di vista della riduzione dell'impatto ambientale. Garantiranno una diminuzione del 30% dei consumi di energia elettrica e potranno anche recuperare energia durante le operazioni di frenatura. I nuovi treni saranno inoltre composti da materiali con alti tassi di riutilizzo (96%) e di biodegradabilità (95%). Discorso simile per i nuovi convogli diesel-elettrici che prevedono una riduzione del 30% del consumo di carburante e un tasso di riutilizzo dei materiali pari al 93%. Parlare di sostenibilità significa anche farlo dal punto di vista sociale, non solo ambientale. "Significa anche, per esempio - ha aggiunto Terzi - attuare misure per consentire la piena fruibilità dei mezzi pubblici alle persone con mobilità ridotta. Per questo i nuovi treni saranno dotati di una pedana mobile per compensare la distanza tra la banchina la porta. E per questo accolgo con favore i lavori che FerrovieNord sta mettendo in atto per innalzare le banchine e in generale abbattere ogni tipo di barriera architettonica negli scali ferroviari di sua competenza. Anche con Rfi (Rete Ferroviaria Italiana) è in atto una interlocuzione in questo senso. FNM dunque e' all'avanguardia anche per la sostenibilità sociale, non solo per quella ambientale»

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

14 Novembre 2002 l'Argentina va in default su un pagamento di 805 milioni di dollari statunitensi alla Banca mondiale.

Social

newFB newTwitter