Milano , 03 dicembre 2017   |  

Oltre mezza tonnellata di droga sequestrata dai Carabinieri nell'ultimo mese

Nell’ambito dell’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, son ben 635 i chilogrammi di droga sequestrati nel corso del mese appena trascorso,

foto arma logo

Sono 97 le persone tratte in arresto per reati inerenti gli stupefacenti e oltre 55 mila gli euro confluiti nel fondo unica giustizia. Si tratta esattamente di 610 kg. di hashish, 20 kg. di marijuana, 3 kg. di cocaina, 1 kg di eroina e di 85 piante di cannabis.

In particolare, i militari del Nucleo Investigativo di Monza, analizzando il circuito relazionale degli spacciatori arrestati nell’ultimo periodo e i relativi canali di rifornimento, hanno portato a termine 3 importanti operazioni di servizio: a Pero (MI), gli uomini dell’Arma hanno effettuato un blitz in una carrozzeria della periferia cittadina che da alcuni giorni tenevano d’occhio, in maniera discreta. All’interno, in alcuni fusti pieni di aglio, appena scaricati da un TIR con targa spagnola, sono stati scoperti 313 kg. di hashish e 10 kg. di marijuana. Sono finiti in manette l’autista del mezzo pesante, un 42enne spagnolo incensurato, il titolare della carrozzeria, un 57enne italiano, un secondo italiano 46enne, entrambi già noti alla Giustizia, nonché un 25enne cubano incensurato, allontanatosi poco prima dalla carrozzeria e considerato il punto di contatto tra gli italiani e il cittadino iberico. Gli arrestati sono stati condotti a San Vittore, dove rimangono a disposizione dell’autorità giudiziaria.

A Montecalvoli (PI), al termine di un servizio di osservazione e controllo, i Carabinieri hanno bloccato due utilitarie a bordo della quali viaggiavano 3 marocchini di 19, 28 e 31 anni, che stavano trasportando 88 kg. di hashish. La successiva perquisizione presso un appartamento nella disponibilità dei 3 stranieri, a Cascina (PI), ha consentito di rinvenire ulteriori 188 kg. della medesima sostanza, nonché 10 gr. di cocaina e 3.500 euro in contanti. Il rinvenimento della chiave di una terza autovettura ha infine consentito di scoprire, a bordo della stessa, ancora 1,5 kg di hashish. Gli arrestati sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Pisa.

A Toirano (SV), i militari, all’esito di un prolungato pedinamento, hanno intimato l’alt a un’utilitaria a bordo della quale viaggiava un marocchino 33enne residente a Cologno Monzese (MI) e un connazionale 48enne, entrambi già noti alla Giustizia, bloccati dopo un tentativo di fuga a piedi. La perquisizione veicolare ha consentito di scoprire due panetti di cocaina, del peso complessivo di 2,4 kg., occultati sotto il sedile anteriore lato passeggero. I due stranieri sono stati condotti presso il Carcere di Imperia.

Nel capoluogo, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Milano-Duomo sono intervenuti presso un condominio di via Mameli, nel quale, un italiano 55enne, già noto alla Giustizia, dopo aver occupato una cantina e creato un allaccio abusivo alla rete elettrica condominiale, aveva adibito il locale a serra per la coltivazione di piante di cannabis. All’interno sono state sequestrate 41 piante altre fino a 1,5 metri, un generatore di ozono, 6 lampade alogene con temporizzatori, 3 misuratori di temperatura e umidità, 2 ventilatori, fertilizzanti vari, chiavette USB contenenti istruzioni per la coltivazione delle piante, nonché un impianto di aerazione con filtri ai carboni attivi, per evitare la diffusione di odori. All’interno dell’abitazione, in un mobile del soggiorno, riposti in sacchetti di cellophane e barattoli di vetro, sono stati rinvenuti 1,1 kg. di marijuana e 52 semi di cannabis.

L’uomo, che dovrà rispondere anche di occupazione abusiva di terreni o edifici e di furto di energia elettrica, oltre che di coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti, è stato tratto in arresto e condotto a San Vittore, mentre la convivente, una 45enne italiana, è stata deferita in stato di libertà.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newFB newTwitter