Menaggio , 03 luglio 2019   |  

Ospedale di Menaggio: nessuna chiusura dei servizi

A garanzia della salute dei cittadini, la direzione dell’Asst Lariana sta lavorando ad una riorganizzazione-rimodulazione del presidio ospedaliero di Menaggio, riassegnato all’azienda lo scorso 1 Gennaio 2019

ricetta sanita dottore

Il piano allo studio non prevede alcuna chiusura dei servizi, pur a fronte di una contrazione della dotazione organica complessiva, nell’ordine del 15 per cento (mancano 37 figure professionali, tra medici ed infermieri). “Il termine rimodulazione - sottolinea il direttore generale Fabio Banfi - non richiama “edulcorandola” alcuna operazione finalizzata alla “chiusura” o al “taglio dei servizi” ma tende ad evidenziare la costante e difficile ricerca di un punto di equilibrio tra produzione di prestazioni clinico-assistenziali appropriate ed essenziali e la reale sostenibilità del sistema locale”. Per quanto riguarda, ad esempio, il Pronto Soccorso, il servizio resta articolato sulle 24 ore così come resta garantita l’attività in ambito rianimatorio.

Chiusi i passaggi istituzionali con Regione, Ats Insubria, sindaci, sindacati, i contenuti del piano, così come emergeranno dai suddetti confronti, saranno presentati nel dettaglio. La direzione, inoltre, incontrerà nuovamente anche il personale dell’ospedale in modo che siano trasmesse le esatte informazioni ed evitate così inutili preoccupazioni e fraintendimenti.

Ospedale di Cantù: sottovalutata la situazione

«E’ evidente che sia stata sottovalutata la situazione di emergenza - osserva il direttore dell’Asst Lariana Fabio Banfi - Non posso che rinnovare la consapevolezza e la condivisione del disagio vissuto dai pazienti e dai loro familiari». In attesa che si perfezioni l’intervento di climatizzazione dei padiglioni del Sant’Antonio Abate e i cui lavori si completeranno entro l’estate del 2020, nei reparti sprovvisti di aria condizionata sono stati posizionati dei condizionatori e nuovi apparecchi verranno acquistati nel corso dei prossimi giorni.

Ritiro dei referti di radiologia al Poliambulatorio di via Napoleona: le spiegazioni del primario

«Complice il periodo delle ferie estive, si è purtroppo verificato un disguido - spiega Alberto Sironi, primario della struttura complessa di Radiologia-Diagnostica per immagini - Ci siamo subito organizzati, non abbiamo mandato via nessuno e abbiamo consegnato tutti i referti. Domani il ritiro degli esami sarà regolare». Così Sironi spiega i ritardi che si sono verificati oggi al Poliambulatorio di via Napoleona per il ritiro degli esami di radiologia.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Agosto 1419 posa della prima pietra dello Spedale degli Innocenti a Firenze, ritenuto il primo edificio rinascimentale mai costruito

Social

newFB newTwitter