Milano , 22 novembre 2017   |  

Palazzo Pirelli sarà illuminato con la scritta “Non sei da sola”

Nel 2017 quasi 4000 richieste di assistenza, 82 le vittime di femminicidio

non sei sola

In occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che cade il 25 Novembre, l’Assessore al Reddito di Autonomia e Inclusione sociale Francesca Brianza è intervenuta nell’Aula del Consiglio regionale con una comunicazione nella quale ha fatto un bilancio del fenomeno e ha anticipato che Palazzo Pirelli resterà illuminato nelle notti di venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 con la scritta “Non sei da sola”.

«Nel 2012 abbiamo approvato una legge per il contrasto alla violenza alle donne, ha ricordato la Brianza, e abbiamo investito oltre 10 milioni di euro a cui si aggiungono 7,2 milioni di risorse statali. I fondi sono andati nel campo della prevenzione e del sostegno alle vittime. Abbiamo investito nella formazione, con oltre 2000 persone in vari settori: medici, avvocati, forze dell’ordine, assistenti sociali, psicologi e operatori dei centri antiviolenza e del Pronto Soccorso. Quest’anno, ha continuato l’Assessore, ci concentreremo in particolare sul reinserimento complessivo nella società che deve passare attraverso un’autonomia abitativa e lavorativa. Superato il momento emergenziale, la donna deve poter ritrovare una vita normale».

Nel suo intervento, l’Assessore ha poi ricordato i protocolli firmati con l’Ordine degli avvocati, con la Prefettura e col Coni. Prossimo obiettivo è quello di firmarne uno con l’Ufficio scolastico regionale, perché «la prevenzione, ha detto ancora la Brianza, parte dalle scuole e la sensibilizzazione dai più giovani».

Francesca Brianza ha anche sottolineato come, ad oggi, esistano 26 reti antiviolenza, 55 centri antiviolenza e 46 case rifugio, con una copertura importante del territorio lombardo: 1 centro di assistenza ogni 200 mila abitanti. Nell’opera di monitoraggio messa a punto da Regione Lombardia emergono dati preoccupanti: nel primo semestre 2017, sono state 3mila e 737 le donne che si sono rivolte ai centri antiviolenza, 189 donne e 154 minori sono ospiti delle case rifugio. Quest’anno sono state già 82 le vittime di femminicidio, di cui 65 da parte di un familiare. Nel 2016 le vittime erano state 116.

“Le politiche regionali - ha concluso la Brianza - devono puntare sul concetto di ‘rete di sicurezza’, di cui devono fare parte le Istituzioni, i Comuni, i Tribunali, gli Avvocati, la Magistratura, i Centri Anti Violenza, le Case Rifugio, il Servizio Sanitario”.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newFB newTwitter