Como, 07 dicembre 2017   |  

Perquisizioni all'alba nelle case di militanti skinheads (aggiornato)

Si accentua la tensione a Como, rischio di incidenti

skin

Sono in corso dall'alba perquisizioni nelle case e in luoghi frequentati da skinhead, a Como e nel circondario.  Le perquisizioni sono state disposte dalla procura comasca. Gli uomini della polizia hanno perquisito le abitazioni di diversi militanti del Veneto Fronte Skinhead tra Como, Brescia, Genova, Lodi, Mantova e Piacenza. I militanti perquisiti sono indagati dalla procura di Como per violenza privata in concorso. Le perquisizioni sono state effettuate dagli agenti della Digos di Como coordinati dall'antiterrorismo.

Il Questore di Como, Giuseppe de Angelis, ha poi notificato ai dieci indagati non residenti in provincia di Como il provvedimento del foglio di via obbligatorio, con divieto di ritorno nel Comune per un periodo di 3 anni. Ai tre comaschi indagati il questore ha rivolto l'avviso orale, l'invito a cambiare condotta che, in caso di violazione, può portare all'applicazione della sorveglianza speciale o di altre misure di prevenzione più afflittive. Il questore ha riferito che tutti i 13 partecipanti all'irruzione del 28 novembre scorso nella sede di "Como senza frontiere" risultano avere precedenti penali.

Uno degli indagati, di Piacenza, ha scontato una condanna a 6 anni di reclusione per tentato omicidio, 8 indagati risultano essere stati colpiti da Daspo (in 7 casi i provvedimenti sono tuttora in vigore) e tutti, a vario titolo, risultano avere precedenti per reati legati a problemi di ordine pubblico.
Si accentua l'attesa in città diventata epicentro, proprio nel periodo prenatalizio, di una tensione forte con il movimento di estrema destra Forza Nuova che ha confermato (nonostante il divieto) l'intenzione di manifestare in pieno centro, probabilmente sabato pomeriggio. Poche ore dopo una manifestazione del Pd.

Il questore Giuseppe de Angelis non ha autorizzato il presidio per motivi di ordine pubblico, vista la concomitanza dei due eventi, anche se a distanza di alcune ore, e ha invitato Forza Nuova a scegliere un'altra data per il presidio. Invito respinto da Forza Nuova, che ha annunciato che sarà in piazza, senza specificare dove e quando.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newFB newTwitter