Cantù , 02 ottobre 2017   |  

Pool Libertas sconfitta da Sieco Service

La squadra di Ortona sconfigge il volley canturino

palleggio

La Sieco Service Ortona si conferma il peggior incubo del Pool Libertas Cantù. Anche per la prima trasferta di questo campionato di Serie A2 2017-2018 i canturini non riescono ad imporsi contro gli abruzzesi, andando a perdere 3-1 al Palazzetto Comunale di Ortona. Entrambi i Coach schierano le formazioni annunciate. Per il Pool Libertas scendono in campo Piazza palleggiatore, Caio opposto, gli schiacciatori Ricardo e Cominetti, i centrali Monguzzi e Robbiati, il libero Butti. Per la Sieco Service troviamo la diagonale composta da Lanci e Bencz, con Tartaglione e Ottaviani schiacciatori, Simoni e Menicali al centro, e Provvisiero libero.

In avvio di primo set Ortona prende il doppio vantaggio (4-2), ma il Pool Libertas pareggia subito (6-6). La Sieco Service guidata da Bencz si riporta avanti di 3 (12-9) costringendo Coach Cominetti a chiamare il suo primo time-out. Al rientro in campo è di nuovo parità con una pipe di Cominetti. Un’invasione di Tartaglione manda i canturini avanti (12-13). Il vantaggio diventa doppio grazie a Caio e a Cominetti, e Coach Lanci ferma il gioco a sua volta (14-16). Ottaviani mura Caio, Ricardo attacca fuori la pipe, ed è di nuovo parità a quota 16. Si prosegue con il pallino del gioco dalla parte del Pool Libertas, quando un muro di Robbiati su Tartaglione costringe Coach Lanci a chiamare il secondo time-out a sua disposizione (19-21). I canturini difendono il doppio vantaggio con le unghie e con i denti, e capitan Monguzzi chiude consegnando il set ai suoi (23-25).

A inizio secondo set la Sieco Service vola a +3 grazie a Ottaviani (7-4), e Coach Cominetti ferma il gioco. Due ace di fila di Piazza, e il Pool Libertas torna sotto (9-8). Ottaviani va al servizio per una buona serie, Ortona ritorna avanti (13-8), e Coach Cominetti chiama il suo secondo time-out. Al rientro in campo, lo schiacciatore viterbese continua la serie positiva dai 9 metri portando i suoi sul +8 (16-8). I canturini, però, non mollano e rosicchiano qualche punto, costringendo Coach Lanci a fermare il gioco (19-15). Ricardo (17 punti per lui con il 55% in attacco) e Cominetti (14 punti totali a fine gara) guidano la rimonta canturina, con il finale di set che vede gli ospiti sotto solo di due punti (22-20). Ma è un attacco out dello schiacciatore brasiliano a consegnare il set ai padroni di casa (25-21).

Nel terzo set il Pool Libertas parte forte e si porta subito avanti di 3 (4-7). La Sieco Service reagisce subito e si rifà sotto (7-8). Caio (18 punti a fine partita per lui) riporta i canturini sul +3 (8-11). Un ace di Robbiati fa aumentare il vantaggio esterno (11-15), e Coach Lanci decide di chiamare time-out. Ace di Ottaviani, e Ortona torna sotto (14-16), costringendo Coach Cominetti a fermare il gioco. Al rientro in campo le squadre lottano punto su punto, ma un muro su Ricardo e uno su Robbiati ribaltano il risultato (20-19). Coach Cominetti decide di chiamare il suo secondo time-out. Il Pool Libertas prova a ribaltare di nuovo il risultato, ma chiude un muro di Menicali su Caio (25-22).

Il quarto set inizia con le due squadre appaiate punto a punto. Il primo doppio vantaggio è interno (8-6, poi 11-9), ma in entrambi i casi il Pool Libertas pareggia con due muri di Robbiati. Si prosegue con la Sieco Service che prova a scappare, e con i canturini che riescono sempre a riportarsi a pari. All’ennesimo tentativo di allungo, Coach Cominetti chiama il suo seconto time-out (18-17). Al rientro in campo controsorpasso canturino, che costringe Coach Lanci a fermare il gioco (18-19). Il finale di set è punto a punto come il resto del set, con la Sieco Service con in mano il pallino del gioco. Chiude un muro di Ottaviani su Caio (25-22).

Queste le parole di Coach Cominetti a fine partita: «Abbiamo giocato bene il primo set, sempre punto a punto. Nel secondo siamo andati sotto di 5-6 punti, ma siamo stati bravi a recuperare, anche se poi abbiamo perso. Nel terzo set abbiamo giocato bene, purtroppo non siamo riusciti a gestire il nostro vantaggio, abbiamo perso un po’ di tranquillità, e alla fine hanno avuto la meglio loro. Nel quarto set, ci sono state alcune decisioni arbitrali dubbie, per cui non vogliamo assolutamente prendercela. Però i due cartellini rossi presi hanno pesato sull’andamento del set, soprattutto quando sei in casa avversaria, stai giocando punto a punto e non approfitti di certe situazioni».

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Ottobre 2011 Libia: dopo 8 mesi di guerra civile, viene ucciso Mu'ammar Gheddafi.

Social

newFB newTwitter