Como , 15 settembre 2018   |  

Primo week-end a Como per Ville Aperte in Brianza

Manca poco al debutto della 16° edizione di “Ville Aperte in Brianza” e le registrazioni al sito della manifestazione aumentano di ora in ora

San Fermo della Battaglia Villa Imbonati 1

San Fermo della Battaglia - Villa Imbonati

Per la provincia di Como si segnalano le aperture delle new entry: a San Fermo della Battaglia apre Villa Imbonati, che si ricorda per le vicende di Carlo Imbonati a cui Alessandro Manzoni dedicò una lirica celebre.

A Ponte Lambro si trova la Casa Metlicovitz costruita agli inizi del XX secolo e abitata fino alla metà del secolo scorso dal pittore e cartellonista Leopoldo Metlicovitz, celebre per aver collaborato con le Officine Grafiche Ricordi, svolto lavori di grafico-pubblicitario per vari prodotti alimentari come ad esempio l’estratto di carne Liebig o l’amaro Fernet-Branca, e infine costumista e scenografo per il teatro alla Scala di Milano.

Le più richieste ad oggi sono Villa Vittadini a Montevecchia che registra il tutto esaurito con 150 prenotazioni; segue Villa Monastero a Varenna con 150 prenotati; si confermano tra i preferiti l’Art Site a Briosco (100) e Palazzo Arese Borromeo con l’Antica Chiesa S. Stefano a Cesano Maderno e la Cappella Espiatoria a Monza scelti già da 90 visitatori e 80 per Villa Tittoni a Desio.

Intanto ci si prepara al primo week end: tra sabato 15 e domenica 16 settembre aprono 36 siti in 23 Comuni delle 5 province coinvolte: Monza e Brianza, Como, Lecco, Milano e Varese. Tante le new entry che si preparano a fare il pieno di visite: già 50 prenotazioni per Villa Brambilla a Castellanza che segna l’ingresso della provincia di Varese nella manifestazione; 30 prenotati per visitare la storica Villa Imbonati a San Fermo della Battaglia. Si segnalano posti liberi per l’unica apertura prevista per domenica 16 alla Chiesa dei SS. Giuseppe e Floriano a Verderio.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Gennaio 2005 in Somalia,  miliziani musulmani integralisti distruggono completamente il cimitero italiano di Mogadiscio. Dietro il vandalismo probabili interessi edilizi sulla zona.

Social

newFB newTwitter