Como , 15 settembre 2018   |  

Sant'Anna conquista un'importante certificazione internazionale

Terapia del dolore, al dottor Biundo la certificazione Fellowship of Interventional Pain Practice

TERAPIA DEL DOLORE DR BIUNDO

da sx: Paolo Barone, primario Anestesia e Rianimazione 1, Fabio Banfi, direttore sanitario dell'Asst Lariana, Gigliola Cerutti, responsabile della Terapia del Dolore, e Carlo Francesco Biundo, il medico che ha conseguito la certificazione FIPP

L'Unità Operativa di Terapia del Dolore dell'ospedale Sant'Anna conquista un'importante certificazione internazionale. Carlo Francesco Biundo, anestesista rianimatore e titolare dell'incarico di alta specialità di "Terapia Antalgica Interventistica" nell'ambito del servizio afferente all'U.O. di Anestesia e Rianimazione 1, diretta da Paolo Barone, ha ricevuto l'abilitazione FIPP - Fellowship of Interventional Pain Practice, una delle più prestigiose a livello mondiale, rilasciata dal World Institute of Pain (WIP).

Il dottor Biundo ha ricevuto il diploma nelle scorse settimane a Budapest al termine di un lungo percorso formativo che prevedeva anche l'esperienza in importanti centri di terapia del dolore. Dal 2001 a oggi sono 1.050 i terapisti del dolore nel mondo certificati. Solo 18 sono italiani.

Il WIP è un'organizzazione con sede negli Stati Uniti dedicata allo studio e alla cura del dolore, dal 1993 uno dei riferimenti principali in questo campo, e raggruppa i massimi esperti nel settore, con particolare riferimento a coloro che praticano le tecniche chirurgiche antalgiche mini-invasive.

La Terapia del Dolore del Sant'Anna, di cui è responsabile Gigliola Cerutti, si occupa di pazienti con dolore acuto e cronico causato da differenti patologie del sistema nervoso, vascolare, muscolo-scheletrico e viscerale nonché da lesioni neoplastiche. L'attività si svolge in regime ambulatoriale di ricovero Day/Week Surgery e ordinario e effettua la diagnosi (individuazione dei meccanismi del dolore) e il trattamento medico e chirurgico delle patologie dolorose.

Appuntamenti

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Gennaio 2005 in Somalia,  miliziani musulmani integralisti distruggono completamente il cimitero italiano di Mogadiscio. Dietro il vandalismo probabili interessi edilizi sulla zona.

Social

newFB newTwitter